EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Unione Europea: Nigel Farage difende la sovranità nazionale

Unione Europea: Nigel Farage difende la sovranità nazionale
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

ll leader dell'Ukip, Nigel Farage, accusa Juncker di portare avanti un patriottismo europeo e di volere una maggiore centralizzazione del potere a Bruxelles, togliendo sovranità nazionale ai singoli Stati dell'Ue

PUBBLICITÀ

Nigel Farage, leader dell'UKIP (UK Independence Party), accusa Jean-Claude Juncker di non aver parlato dell'ondata di populismo che si sta diffondendo in Europa.

Accusandolo di volere una maggiore centralizzazione del potere a livello europeo, in termini di difesa, tassazione e controllo alle frontiere. Le stesse critiche portate avanti dai sostenitori della Brexit.

Queste sono le posizioni sostenute da Farage da anni, per cui si vuole togliere via via la sovranità nazionale ai singoli Stati dell'Ue per attribuirla a Bruxelles.

Portando avanti Juncker il valore di un patriottismo europeo, caratterizzando come negativo, razzista e xenofobo quello nazionale, nel suo discorso sullo stato dell'Unione Europea.

Ha parlato di un crescente sentimento antieuropeo, visibile nella nascita di partiti nazionalisti anti-Ue e della mancanza di un sentimento di identità europea.

In particolare parlando della Brexit e della questione del confine irlandese dice che ci sono grandi differenze di tasse, politica, diritto, moneta tra il Nord e Ia Repubblica d'Irlanda, ma si arriverà al libero scambio.

Il Regno Unito lascerà il mercato unico, per andare verso un modello Canada Plus, in cui sia possibile fare business senza dazi doganali.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Belgio, il Consiglio di Stato autorizza la riunione dell'estrema destra

Elezioni nel Regno Unito: i laburisti puntano a una vittoria storica

Elezioni Regno Unito: il ritorno di Nigel Farage, i conservatori perdono voti