ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Frenato da un'aggressione, rilanciato da Twitter: il caso Bolsonaro

Lettura in corso:

Frenato da un'aggressione, rilanciato da Twitter: il caso Bolsonaro

Frenato da un'aggressione, rilanciato da Twitter: il caso Bolsonaro
Dimensioni di testo Aa Aa

Lui non c'è perché costretto in ospedale dopo l'accoltellamento, ma veglie, preghiere e Tweet fanno campagna elettorale per lui. Vittima di un'aggressione giovedì, durante un bagno di folla, il candidato d'estrema destra alle presidenziali brasiliane Jair Bolsonaro lo appare sempre di più anche agli occhi degli elettori.

Foto: REUTERS/Nacho Doce
Sostenitori di Bolsonaro davanti all'ospedale di San Paolo in cui è stato trasferitoFoto: REUTERS/Nacho Doce

Da inseguitore a favoritissimo: Bolsonaro vola nei sondaggi

In condizioni ancora gravi ma stazionarie il controverso estimatore di dittatura militare e retorica omofoba affida a Twitter i suoi ringraziamenti a Dio, famiglia e sostenitori. Un battage sui social media che lo sta trasformando in favoritissimo nella corsa a Palazzo di Planalto del 7 ottobre. Costretto a inseguire fino all'esclusione di Lula, Bolsonaro guida ora i sondaggi, staccando di oltre 10 punti l'immediata inseguitrice ecologista Marina Silva.

Impossibilitato a fare campagna elettorale, ma "più forte che mai". Il figlio di Bolsonaro su Twitter: "È pronto a fare il Presidente"

"Più forte che mai e pronto a essere eletto Presidente", il testo con cui Flavio Bolsonaro, figlio del candidato di estrema destra, ha accompagnato una foto del padre nel suo letto d'ospedale, postata su Twitter. Sempre lui, ha poi scritto su Facebook che le condizioni di suo padre potrebbero impedirgli di tornare a fare campagna elettorale, ma che "saremo noi a farla per lui".

Le indagini sull'aggressione: la pista più concreta è quella del "lupo solitario"

Trasferito in un più moderno ospedale di San Paolo dopo essere stato operato d'urgenza, Bolsonaro aveva riportato numerose perforazioni al fegato e sofferto di una grave emorragia interna. A perpetrare l'aggressione è stato un 43enne ex militante del partito anticapitalista Socialismo e libertà, che ha affermato di aver agito "per volontà di Dio". Dopo il fermo di due persone, le indagini si stanno sempre più orientando verso la pista del lupo solitario.

Foto: REUTERS/Raysa Campos Leite
Il momento dell'accoltellamento, nella città di Juiz de ForaFoto: REUTERS/Raysa Campos Leite