ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La Sassonia, roccaforte dell'estrema destra tedesca

Lettura in corso:

La Sassonia, roccaforte dell'estrema destra tedesca

La Sassonia, roccaforte dell'estrema destra tedesca
Dimensioni di testo Aa Aa

In nessun altro land tedesco l'estremismo di destra e la xenofobia spopolano tanto come in Sassonia. Le roccaforti sono Dresda, Lipsia, la Svizzera sassone e da qualche giorno anche Chemnitz.

Tutto iniziò 27 anni fa, con le violenze di Hoyerswerda, quando nella Germania dell'Est partì una vera e propria caccia all'immigrato. Nel settembre del 1991, un gruppo di neonazisti attaccò prima dei venditori ambulanti vietnamiti, poi un ostello nel quale alloggiavano lavoratori mozambicani. In seguito, dopo 4 notti di violenti scontri, vennero lanciate pietre e Molotov contro alcuni appartamenti che ospitavano dei richiedenti asilo. 32 persone rimasero ferite e 83 vennero arrestate. L'opinione pubblica applaudiva, la polizia era sopraffatta.

La xenofobia in questo land si riflette anche nei risultati elettorali. Nel 2004, il partito di estrema destra dell'NPD raggiunse il 9% e si insediò nel parlamento sassone, rimanendoci per dieci anni. Dopodiché, il partito sovranista e populista AfD prese il sopravvento. Durante le elezioni dello scorso anno, l'AfD raccolse ben il 35,5% dei voti.

Quando si parla di estrema destra violenta, la Sassonia è in prima linea. Secondo il Ministero degli Interni sassone, dal 2011 vi sono stati commessi almeno cinque reati di estrema destra.