ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Facebook, Twitter, Google: Cosa succede dopo la morte di un utente

Lettura in corso:

Facebook, Twitter, Google: Cosa succede dopo la morte di un utente

Facebook, Twitter, Google: Cosa succede dopo la morte di un utente
Dimensioni di testo Aa Aa

La morte di una persona cara è sempre stato un momento molto difficile, ma con la diffusione di Internet e delle piattaforme dei social media, le famiglie oggi devono affrontare anche le regole del digitale per il post-mortem, spesso oscure.

Solo il 13% delle persone hanno preparato un piano riguardo ai loro account social media per quando moriranno, secondo un sondaggio del 2017 della Digital Legacy Association (DLA).

“Le piattaforme di social media stanno prendendo coscienza adesso del fatto che devono avere una politica per il fine vita”, ha detto a Euronews James Norris, fondatore della Digital Legacy Association.

“La tecnologia che hanno cominciato a introdurre è un buon inizio, ma c’è ancora molto da fare”.

“Uno dei principali problemi quando si tratta di pianificare la propria morte digitale per la serie di diversi account è che ogni piattaforma è diversa, e ognuna richiede un modo diverso di gestire la situazione quando l’account viene trasmesso”, spiega Norris, che raccomanda alle persone di scrivere un testamento per i social media.

Ecco le regole delle principali piattaforme in caso di decesso degli utenti.

Facebook

Gli utenti di Facebook possono nominare un contatto erede, che quindi avrà accesso al loro account dopo la morte. Questa persona potrà poi decidere se occuparsi dell’account commemorativo o cancellarlo. Se non viene nominato dall’utente un contatto erede, Facebook rende commemorativo l’account quando viene a conoscenza della morte del titolare.

Una volta che l’account è diventato commemorativo, nessuno può entrarvi e rimane visibile al pubblico con il quale era stato condiviso, come un luogo per “raccogliere e condividere ricordi”, secondo le impostazioni di Facebook.

Twitter

Per rimuovere l’account di un utente deceduto, Twitter chiede a un utente autorizzato ad agire a nome della persona scomparsa o a un familiare la cui identità è stata verificata di fare una richiesta o l’account verrà disattivato.

Sarà necessario fornire dettagli incluse informazioni sulla persona deceduta, una copia della carta d’identità e un certificate di morte, secondo quanto riferisce il Centro Assistenza di Twitter.

Google

Come Facebook, Google permette agli utenti di nominare una persona che diventi responsabile del suo account dopo la morte. Definito “Gestore di account inattivo”, avrà poi la possibilità di accedere alle informazioni dell’account e di ancellarlo. Se non viene nominata una persona, i familiari più vicini possono chiedere a Google di cancellare l’account.

Tuttavia, Google sottolinea sulla sua pagina di assistenza che “Qualsiasi decisione di soddisfare una richiesta relativa a un utente deceduto verrà presa soltanto in seguito a un attento esame.”