EventsEventi
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

L'Eliseo licenzia il bodyguard violento di Macron

L'Eliseo licenzia il bodyguard violento di Macron
Diritti d'autore 
Di Maria Elena Spagnolo
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il provvedimento dopo la pubblicazione di un video in cui Benalla picchiava due manifestanti il 1 maggio a Parigi. Infuria la polemica politica

PUBBLICITÀ

Emmanuel Macron corre ai ripari nel caso Benalla, cercando di frenare lo scandalo che sta scuotendo il mondo poltico francese. 

L’Eliseo ha avviato una procedura di licenziamento nei confronti dell’ex bodyguard di Macron, che da alcune ore è anche in stato di fermo. La presidenza francese ha giustifica l'avvio della procedura di licenziamento parlando di "nuovi elementi" a carico di Benalla.

Ventisei anni, il 1 maggio è stato ripreso mentre picchiava due manifestanti a Parigi: una rivelazione del quotidiano Le Monde, che ha pubblicato le immagini. 

Benalla però non è un poliziotto, anche se quel giorno esibiva casco e fascia della polizia. Lo scandalo è ampliato dal fatto che dopo quanto accaduto l’Eliseo ha sospeso Benalla dal suo incarico per quindici giorni e lo ha adibito a compiti amministrativi. Le opposizioni attaccano: perché non è stata subito informata la giustizia?

In più, Benalla era presente nel servizio d’ordine dei Bleus quando hanno festeggiato la Coppa del mondo sugli Champs-Élysées. 

L'ex candidato socialista alle presidenziali, Benoit Hamon, ha chiesto le dimissioni del ministro dell'Interno, Gérard Collomb. 

Molti si chiedono perchéquesto bodyguard sia stato così protetto, fino ad oggi, dall’Eliseo.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Francia, perché lo scandalo Benalla è così controverso per Macron

Macron, bufera sul collaboratore violento

Macron: "In tutta Europa soffia il vento malato dell'estrema destra"