EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

La "Brexit" delle multinazionali: BMW minaccia il Regno Unito

La "Brexit" delle multinazionali: BMW minaccia il Regno Unito
Diritti d'autore 
Di Cristiano Tassinari
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Dopo Airbus, anche BMW minaccia tagli nelle sua attività nel Regno Unito. E chiede chiarezza sui futuri rapporti doganali tra Londra e gli altri 27 paesi dell'Unione Europea. Il conto alla rovescia per l'uscita dall'Europa sta diventando un incubo per aziende e lavoratori. E per Theresa May.

Tutti in fuga dal Regno Unito?

PUBBLICITÀ

Il gigante automobilistico BMW segue l'esempio di [Airbus](iframe width=) e lancia un avvertimento al governo britannico: "Vogliamo chiarezza in materia doganale e commerciale entro pochi mesi oppure dovremo provvedere ad un piano di emergenza", ha dichiarato Ian Robertson, amministratore delegato di BMW UK.

Non è proprio una minaccia di abbandono degli stabilimenti in Inghilterra, ma poco ci manca.

Il rischio, ha fatto sapere lo stesso Robertson, è quello di tagli all'occupazione, in "un Regno Unito meno competitivo sul piano commerciale".

La BMW, che produce la Mini e la Rolls Royce, impiega circa 8.000 persone nel Regno Unito.

Il marchio Rolls Royce è di proprietà del gruppo BMW.

Il governo britannico afferma di essere fiducioso sugli accordi commerciali della "Brexit", ma il primo ministro Theresa May ha escluso di rimanere nell'unione doganale.

Con il Regno Unito che dovrebbe lasciare l'Unione Europea il 29 marzo 2019, si stanno sollevando sempre più preoccupazioni - soprattutto tra aziende e lavoratori - su come sarà l'accordo di transizione. E su cosa accadrà dopo la definitiva "Brexit".

Intanto, BMW lancia sul mercato il suo nuovo modello.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Regno Unito: la Brexit senza accordo minaccia il settore auto

Brexit: la Bank of England reagisce alle critiche dell'Unione Europea

L'Airbus dirà "ciao" alla Gran Bretagna?