Aquarius, a Valencia la fine di un lungo viaggio

Aquarius, a Valencia la fine di un lungo viaggio
Di Stefania De Michele
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Dopo nove giorni di navigazione e 1300 chilometri i migranti sono sbarcati al porto di Valencia

PUBBLICITÀ

L'ultimo sguardo indietro prima di abbracciare il futuro, qualunque esso sia. Dopo nove giorni in mare, i migranti imbarcati sull'Aquarius hanno toccato terra al porto di Valencia. Hanno lasciato la nave a gruppi di venti, con sé i pochi effetti personali che sono riusciti a portare via, per essere sottoposti alle visite mediche e per avviare le procedure di identificazione.

A bordo i volontari di Medici Senza Frontiere hanno spiegato la lunga trafila amministrativa a cui i migranti saranno sottoposti. Ma per i 106 dell'Aquarius, i sopravvissuti alla lunga odissea iniziata sulle coste libiche, è un giorno di festa. Lo rivelano i sorrisi dei bambini in attesa dello sbarco.

A Valencia erano oltre 2300 le persone mobilitate da Generalitat, Comune, Croce Rossa. Autorità Portuale per accogliere i 629 migranti, ripartiti sulle navi Aquarius, Dattilo e Orione.

"Spero che le persone a terra si prendano cura di loro con dignità - ha commentato Max Avis, coordinatore SAR -  questa gente ha trascorso giorni veramente duri".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La Francia apre all'Aquarius

Grecia, la rotta dalla Libia spaventa l'isola di Gavdos: 1.500 migranti in tre mesi

Migranti: oltre mille arrivati a Lampedusa, emergenza anche a Cipro