Russiagate: cauzione revocata, Manafort in prigione

Russiagate: cauzione revocata, Manafort in prigione
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Deve rispondere dell'accusa di corruzione di testimone nell'ambito dell'inchiesta del procuratore speciale Mueller

PUBBLICITÀ

Libertà su cauzione revocata e per Paul Manafort, ex capo del comitato elettorale di Donald Trump, si aprono le porte della prigione. Deve rispondere dell'accusa di corruzione di testimone nell'ambito dell’inchiesta avviata dal procuratore speciale, Robert Mueller, sull’ingerenza russa nelle ultime elezioni presidenziali.

In un tweet Trump ha difeso Manafort: decisione dura, ha cinguettato il presidente.

Secondo le accuse, l'ex capo del comitato elettorale e un suo collaboratore avrebbero contattato due testimoni per convincerli a sostenere che lo stesso Manafort non aveva mai fatto attività di lobby negli Stati Uniti per Viktor Yanukovych, l’ex presidente dell’Ucraina considerato molto vicino a Vladimir Putin.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Russiagate: Manafort pronto a collaborare

Russiagate: FBI perquisisce la casa di Manafort, ex capo della campagna di Trump

Usa, Donald Trump a cena con Andrzej Duda a New York: il tycoon sonda il terreno per la Casa Bianca