EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

La corte ha deciso: Lula deve andare in carcere

La corte ha deciso: Lula deve andare in carcere
Diritti d'autore 
Di Maria Elena SpagnoloCinzia Rizzi
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il Supremo Tribunale Federale del Paese ha respinto il ricorso presentato dagli avvocati del leader

PUBBLICITÀ

Le porte del carcere si apriranno per Lula. L’ex presidente del Brasile deve andare in prigione per scontare la sua condanna per corruzione. La Corte suprema ha deciso, dopo dieci lunghe ore di dibattito, con una maggioranza risicata (6 voti contro 5), respingendo la richiesta dell’habeas corpus avanzata dagli avvocati del leader politico. Decisivo il voto della magistrata Rosa Weber, che fino all'ultimo non aveva manifestato un preciso orientamento.

Nell’attesa della sentenza, il Paese si era diviso tra sostenitori e detrattori, in un clima che negli ultimi giorni si è fatto incandescente. L’ex Capo di Stato era stato condannato per corruzione passiva e riciclaggio la scorsa estate, in un processo legato allo scandalo Petrobras. Nove anni in prima istanza a Curitiba, diventati 12 in appello a Porto Alegre.

Ora gli avvocati del leader del Partito dei lavoratori (PT) hanno tempo fino al 10 aprile per presentare ricorso. Ma il PT, che contava sulla candidatura di Lula per le elezioni presidenziali del prossimo ottobre, deve iniziare a cercarne una alternativa.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il Brasile contro Netflix

Brasile, fiume pieno di pesci morti a San Paolo: colpa degli scarichi industriali

Aborto, le donne brasiliane scendono in strada contro proposta di legge "criminalizzante"