EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Già ci sono grillini dimissionari?

Già ci sono grillini dimissionari?
Diritti d'autore 
Di Alberto De Filippis
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Che fine hanno fatto Martelli e Cecconi?

PUBBLICITÀ

Dovrei restare o dovrei andarmene? Lo cantavano i Clash, notissimo gruppo punk rock del passato, ed è il dubbio che sembra attanagliare Carlo Martelli.

Il senatore uscente del M5S è stato rieletto a palazzo Madama come capolista del collegio plurinominale Piemonte 2, ma già a febbraio, su Facebook, aveva annunciato la sua volontà di rinunciare al seggio. Il motivo? Se ricordate era stato travolto dal caso dei rimborsi non versati, come vorrebbe il regolamento del M5S, nel fondo per il microcredito. Martelli si è rimesso in regola con le restituzioni. Da allora Martelli, che è un matematico, era entrato in silenzio stampa.

La proclamazione è una procedura automatica, quindi non discrezionale o impugnabile dal parlamentare. «Non esiste nessun giudice che possa annullarla", ha detto Martelli. Anche l’ipotesi delle dimissioni non è scontata. Ammesso che il senatore decida di presentarle alla Camera di appartenenza, toccherebbe all’aula stabilire se accettarle o meno. Il voto è segreto e l’esito per niente sicuro. Assieme a lui anche il deputato Andrea Cecconi, rieletto in due seggi dopo aver battuto addirittura l'ex ministro Marco Minniti. Anche lui aveva promesso di dimettersi, o almeno di provarci, ma da domenica notte è sparito

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni in Basilicata: seggi aperti dalle 7 alle 15, domenica affluenza al 37,74% per cento

Mes, la Camera dei deputati respinge il trattato

L'Europa che voglio: donne e parità di genere, cosa farei da europarlamentare