This content is not available in your region

L'Austria dice ancora no ai lavoratori croati

Access to the comments Commenti
Di Simona Zecchi
L'Austria dice ancora no ai lavoratori croati

Il governo austriaco è ancora contrario sull'entrata dei Croati nel mercato interno del lavoro. L'accesso ristretto che regola le condizioni dei lavoratori croati nel Paese (dove possono lavorare solo come professionisti specializzati e per lavori stagionali) sta per scadere e potrebbe essere esteso per altri due anni nel caso in cui la Unione Europea sarà d'accordo, cosa pero non scontata.

Helmut Hofer, analista del Mercato del lavoro:

"La Croazia è un paese relativamente piccolo. Rispetto a quanto succede in Romania e Bulgaria, molti Croati sono già impiegati in Austria e sono oltre 20mila, fatto avvenuto prima dell'apertura stessa del Paese verso l'Est, Ecco perche' non vedo effetti particolari della cosa"

Paragone questo con la Romania e la Bulgaria che l'analista Helmut Hofer sottolinea visto che le restrizioni per questi lavoratori sono le stesse che per i Croati. il Governo federale crede pero' negli effetti negativi che un prolungamento potrebbe avere vista l'alto numero di disoccupazione che li riguarda.