ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Turchia, ergastolo per sei giornalisti

Turchia, ergastolo per sei giornalisti
Dimensioni di testo Aa Aa

Entre in tutto il mondo si continua a festeggiare la liberazione del giornalista turco-tedesco Deniz Yücel, dalla stessa corte di Istanbul che ne disposto il rilascio in via condizionale arriva la notizia di sei ergastoli per altrettanti giornalisti e scrittori.

"Oggi in Turchia è morto lo stato di diritto"

Antonella Napoli Giornalista, coordinatrice del gruppo internazionale "Free Turkey media"

I sei sono accusati di aver "tentato di sovvertire l'ordine costituzionale": secondo la giustizia turca sarebbero colpevoli di legami con la presunta e intricata rete del predicatore e politologo Fetullah Gulen, che Ankara ritiene responsabile del fallito golpe militare del 15 luglio 2016.

Si tratta di esponenti di massimo peso nel mondo della cultura e dell'informazione turca: all'ergastolo, tra gli altri, finiscono lo scrittore  67enne Ahmet Altan e suo fratello Mehmet, econmista di 65 anni, oltre alla 74enne veterana del giornalismo Nasli Ilack. A nulla è valsa la mobilitazione che, anche per loro come per Yucel, era stata promossa dal movimento internazionale Free Turkey Media, che comprende attori come Amnesty e Reporters sans frontieres. Subito dopo la sentenza, la coordinatrice del gruppo Antonella Napoli ha twittato: "oggi in Turchia è morto lo stato di diritto"

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.