EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Strage in Florida, l'allenatore ucciso per salvare i suoi studenti

Strage in Florida, l'allenatore ucciso per salvare i suoi studenti
Diritti d'autore REUTERS
Diritti d'autore REUTERS
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Aaron Feis allenava la squadra di football della Marjory Stoneman Douglas High School, dove un 19enne armato ha ucciso 17 persone.

PUBBLICITÀ

Mentre continuano a emergere i dettagli sull'ennesima sparatoria che ha strage di studenti in una scuola statunitense - questa volta si tratta della Marjory Stoneman Douglas High di Parkland, Florida - , un quadro sempre più chiaro si va delineando anche rispetto alle azioni di Aaron Feis, l'allenatore di footbal che è morto cercando di fare scudo ai suoi studenti.

"Conoscevo Aaron personalmente - racconta Scott Israel, sceriffo nella vicina contea di Broward - abbiamo allenato insieme, i miei due ragazzi hanno giocato per lui. Non so quando ci saranno i suoi funerali, e non so quanti adulti decideranno di andarci, ma credo che almeno 2mila ragazzi andranno a salutarlo. I ragazzi in questa comunità lo adoravano, era una delle più grandi persone che io abbia mai conosciuto: era un uomo fenomenale; e non conosco ancora i dettagli ma posso già dire che quando Aaron Feis è stato ucciso in modo tragico e inumano, quando è morto, lo ha fatto per proteggere gli altri. E questo è garantito, perché questo è ciò che Aarton era".

Aaron Feis è morto per le ferite riportate in seguito ai colpi ricevuto per proteggere i suoi alunni; e  anche altri insegnanti -  come Melissa Falkowski, che ne ha nascosti 19 in un armadio - hanno rischiato la vita per salvare quella degli studenti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Florida: Fbi "avvertiti su Cruz, non abbiamo agito"

Usa: sparatoria, killer in gruppo di suprematisti

Strage in liceo Florida, Trump: "Ci stringiamo alle famiglie delle vittime della strage di Portland"