EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Salvadoregni in piazza contro la nuova mossa dell'amministrazione Trump

Salvadoregni in piazza contro la nuova mossa dell'amministrazione Trump
Diritti d'autore 
Di Cinzia Rizzi
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Circa 200.000 cittadini di El Salvador rischiano di dover tornare dopo anni nel loro Paese natale, a causa della revoca dello status di protezione temporanea

PUBBLICITÀ

Decine di attivisti si sono riuniti di fronte alla Casa Bianca questo lunedì, per protestare contro l'ultima mossa dell'amministrazione Trump: l'epulsione dal Paese di circa 200.000 immigrati salvadoregni, che vivono e lavorano negli Stati Uniti dal 2001, quando El Salvador fu devastato da un terremoto.

"Penso che questa sia una tremenda ingiustizia, non solo contro i salvadoregni, ma anche gli honduregni, persone con famiglia, case, bambini nati qui. Quello che sta succedendo qui è una tirannia ed è il momento di fermarla", spiega un attivista.

Gli Stati Uniti porranno fine allo status di protezione temporanea dei salvadoregni (TPS) il 9 settembre 2019, concedendo loro 18 mesi per lasciare il Paese, pena il rimpatrio forzato.

"La prima cosa che voglio dire alle persone è che devono rimanere calme, abbiamo ancora 18 mesi, da marzo fino a settembre 2019", ha dichiarato in conferenza stampa iil Ministro degli Esteri salvadoregno Hugo Martinez.

Solo a Houston, in Texas, ci sono circa 10.000 salvadoregni sotto lo status di protezione temporanea che rischiano ora di dover tornare nel loro Paese natale e molti di loro posseggono case, imprese e hanno bambini nati negli Stati Uniti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Usa, nessun riferimento di Harris alla candidatura presidenziale, ma un elogio all'eredità "ineguagliabile" lasciata da Biden

Stati Uniti: i leader europei salutano Biden dopo il ritiro dalla corsa alla presidenza

Trump tesse le lodi di Putin, Xi e Orbán, sull'attentato: "Ho preso un proiettile per la democrazia"