EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Spose bambine, operai e contadini: al mondo 40 milioni di nuovi schiavi

Spose bambine, operai e contadini: al mondo 40 milioni di nuovi schiavi
Diritti d'autore 
Di Gioia Salvatori
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Più della metà sono donne. Altri 25 milioni di persone sono ai lavori forzati e 152 milioni di minori sono vittime di lavoro minorile.

PUBBLICITÀ

Quaranta milioni di nuovi schiavi, per lo più donne. Una ricerca sviluppata dall’ ILO (agenzia internazionale del lavoro delle Nazioni Unite) e dall’OIM (organizzazione internazionale per le migrazioni) racconta che nel mondo 40 milioni di persone lavorano in condizioni di schiavitù; un dramma femminile: 29 milioni sono donne, per lo più spose bambine o adulte vittime di matrimoni forzati.

Per saperne di più clicca qui, vai al report

C‘è poi il lavoro forzato, che incatena 25 milioni di persone: sono colf, contadini, operai del settore edile. Lavorano per lo più nel settore privato (16 milioni di persone) ma 4 milioni di persone sono ai lavori forzati per conto di autorità statali.

Spesso si iniziada piccoli a patire, con il lavoro minorile: 152 milioni di minori tra i 5 e 17 anni sono vittime di questo fenomeno. Piccoli operai in fabbriche tessili o nel settore dei servizi. Soprattutto in Africa (72,1 milioni), oppure in Asia (62 milioni), ma anche in Europa e Asia centrale (5,5 milioni). Non vanno a scuola: circa un terzo dei bambini dai 5 ai 14 anni vittime di lavoro minorile è al di fuori del sistema educativo. I più grandi, quelli tra 15 e 17 anni, lavorano tendenzialmente più di 43 ore alla settimana.

Per saperne di più clicca qui, vai al report

I dati si riferiscono all’anno 2016.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Giornata mondiale della lotta all'Aids, ancora 1,3 milioni di contagi all'anno

Zelensky all'Onu, "Mosca usa qualsiasi cosa come arma contro di noi"

Yemen, Houthi catturano 11 dipendenti delle Nazioni Unite