EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Parigi, Tour Eiffel: il muro anti-terrorismo da 20 milioni di euro

Parigi, Tour Eiffel: il muro anti-terrorismo da 20 milioni di euro
Diritti d'autore 
Di Cinzia Rizzi
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Aperto il cantiere alla torre simbolo della capitale parigina, per costruire il muro che proteggerà la ''Dame de fer'' e i turisti

PUBBLICITÀ

Un muro anti-terrorismo, da 20 milioni di euro. E’ quello che verrà eretto intorno alla Tour Eiffel, per proteggere il simbolo di Parigi da eventuali attacchi terroristici. Il cantiere è stato aperto questo lunedì e la struttura verrà ultimata tra dieci mesi, nel luglio 2018.

[Actu]
Tour Eiffel : un mur de verre pour protéger les #touristeshttps://t.co/hXT8hPwlyjpic.twitter.com/8QCsr1rd06

— UMIH (@UMIH_France) 18 settembre 2017

Un muro spesso 7 cm e alto 3 metri – in gran parte di vetro antiproiettile e antisfondamento -, con un costo elevatissimo, ma più che giustificato secondo i promotori, che lo vedono come necessario dopo gli attentati avvenuti in altri luoghi turistici della capitale, come il Museo del Louvre o gli Champs-Elysées. I giardini che circondano la torre saranno rinnovati e inglobati nel perimetro di sicurezza (il costo dei lavori per i soli giardini ammonta a 5 milioni di euro) e i visitatori dovranno attraversarli prima di poter accedere al monumento.

Les préparatifs de la construction du mur “anti-attentats” à la #TourEiffel en cours : 2 géométres prennent les mesures pic.twitter.com/dMVbqB8yOy

— Ugo Pass’ (@PaPassuello) 18 settembre 2017

I lavori non impediranno però ai turisti di ammirare la ‘‘Dame de fer’‘, come la chiamano oltralpe. La torre resterà infatti aperta durante i dieci mesi di costruzione del muro.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Parigi, la torcia olimpica illumina la parata militare del 14 luglio

Olimpiadi: tuffo nella Senna per la ministra dello Sport Oudéa-Castéra

Francia, Macron rassicura la Nato sugli impegni per l'Ucraina: dilemma maggioranza e primo ministro