Cile: quel golpe che brucia ancora

Cile: quel golpe  che brucia ancora
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

44 anni fa il colpo di stato che uccise il Presidente Allende

PUBBLICITÀ

Migliaia di cileni hanno manifestato domenica evocando il colpo di stato di 44 anni fa a Sanitago del Cile quando venne assassinato il Presidente Salvador Allende.

‘A Santiago del Cile, l’11 settembre 1973, con un colpo di Stato le forze armate guidate da Augusto Pinochet… https://t.co/I1ReVqpnzX

— marina mar (@marinamar21) September 10, 2017

Gli scontri con la polizia sono avvenuti nei dintorni de Palazzo Presidenziale e nelle adicenze del cimitero.

Negli anni della dittatrura del generale Augusto Pinochet, autore del golp,e vennero uccisi migliaia di oppositori. Il totale dei morti, dei desparecidos, dei torturati e di coloro che restarono anni nelle carceri del regime golpista supera le 40 mila persone.

I cileni non hanno ancora metabolizzato questo rovente passato anche perchè molti degli autori dei crimini non sono stati assicurati alla giustizia. Le organizzazioni in ricordo delle vittime parlano di debito non rimborsato dallo stato nei confronti delle famiglie distrutte.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Incendi in Cile: il bilancio delle vittime sale a 123, centinaia i dispersi

Incendi nel Cile centrale: salgono ad almeno 112 i morti, 200 i dispersi, migliaia gli sfollati

Cile: almeno 64 morti per gli incendi boschivi