ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Catena umana contro il nucleare

Catena umana contro il nucleare
Dimensioni di testo Aa Aa

Una catena umana di 90 chilometri attraverso i confini di tre paesi per chiedere la chiusura immediata di due reattori nucleari.
È la protesta inscenata da almeno 50.000 tedeschi, olandesi e belgi, che si sono simbolicamente dati la mano da Tihange fino a Maastricht.

I reattori di cui si chiede la chiusura erano stati rilanciati nel 2015 dopo due anni di fermo in seguito alla scoperta di alcune fessure nella struttura.

Preoccupazione è stata espressa anche per l’allungamento di altri dieci anni della vita delle sette centrali belghe, quattro con più trent’anni e tre con oltre 40.
Nonostante l’allarme degli ambientallisti l’Agenzia belga per il controllo nucleare ribadisce che i reattori contestati “rispondono pienamente alle esigente di sicurezza”.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.