Iraq: bambina rapita dall'Isil restituita alla famiglia

Iraq: bambina rapita dall'Isil restituita alla famiglia
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
PUBBLICITÀ

Tre anni dopo il suo rapimento da parte dell’Isil, una bambina irachena di appena sei anni è stata restituita alla sua famiglia.

Sequestrata nellʼagosto del 2014, la piccola Christina ha ricevuto di nuovo l’insperato l’abbraccio dei genitori, che hanno raccontato di essere stati costretti a salire su un autobus sotto minaccia di morte e a partire senza la piccola.

“Un vero miracolo rivedere mia figlia – dice la madre -, è cambiata tanto, stiamo cercando di farle capire perchè è ancora disorientata, faremo del nostro meglio”.

Chrtistina fu rapita ad Erbil, in campo profughi a circa 70 km da Mosul, nel nord dell’Iraq.

Sua madre non ha avuto notizie di lei per cinque mesi, poi è venuta a conoscenza che la figlia viveva in una famiglia di dodici persone nel quartiere Tenek, nella parte occidentale di Mosul.

La famiglia che si è preso cura della piccola ha riferito di averla trovata da oltre due anni, mentre piangeva tutta sola davanti a una moschea.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Terrorismo, estradato in Francia Salah Abdeslam, uno degli stragisti di Parigi di novembre 2015

Israele-Hezbollah, missili al confine libanese. Tel Aviv: "Non vogliamo un'escalation"

Pakistan, la protesta dei fedeli cristiani per il violento attacco alle chiese del 16 agosto