EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

MOAB: l'arma giusta per l'obiettivo giusto dicono gli USA

MOAB: l'arma giusta per l'obiettivo giusto dicono gli USA
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

In Afghanistan sganciata la Madre di tutte le bombe. Grande potenza, anche psicologica

PUBBLICITÀ

Questa è la zona in cui è stata lanciata la bomba MOAB , Massive ordnance air blast bomb, soprannominata la Madre di tutte le bombe , per la sua potenza. Avrebbe ucciso 36 combattenti islamici e non ci sarebbero stati danni collaterali, almeno secondo il comando statunitense in Afghanistan.

Dice John W. Nicholson, comandante delle forze americane in Afghanistan:

Abbiamo usato l’arma giusta per centrare il giusto obiettivo. Voglio assicurare alla popolazione afghana che facciamo di tutto per evitare vittime fra i civili.

La circostanza sembrerebbe confermata da questa testimonianza di un abitante della regione di Nangarhar, dove è stato sganciato l’ordigno:

C’era una base dell’Isil là, che era attiva. La notte scorsa la bomba che è caduta era davvero potente, quando è esplosa tremava tutto. Secondo me ne sono rimasti uccisi almeno un’ottantina. È un bene che Daesh sia stato eliminato. Non c’era nessun civile con loro.

Malgrado la sua potenza, che provoca devastanti onde d’urto in grado di distruggere qualunque cosa, anche i bunker (il raggio di esplosione è di 150 metri e lo scoppio avviene poco prima che la bomba tocchi il suolo, non è un’arma perforante) quest’arma è considerata soprattutto un deterrente psicologico contro il nemico. Da qui un sprannome che suscita indignazione in rete:

come si fa a chiamare “madre” una bomba che uccide 36 persone? una madre dà la vita, non uccide #MOAB#superbomba

— katiuscia milani (@briscolina) 14 aprile 2017

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gli USA sganciano sull'Afghanistan la "madre di tutte le bombe"

GBU-43: "la madre di tutte le bombe", cosa c'è da sapere

Russia: 16 anni di carcere per spionaggio al giornalista statunitense del Wsj Evan Gershkovich