EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Basket in carrozzina, la forza di volontà di atleti veri

Basket in carrozzina, la forza di volontà di atleti veri
Diritti d'autore 
Di Luca Colantoni
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Nel video a 360 gradi, sport e disabilità al Palazzetto dello Sport di Lione

PUBBLICITÀ

Ciao e benvenuti a questo report a 360 gradi di Euronews. Guardatevi intorno, siamo al Palazzo dello Sport di Gerland a Lione dove oggi si celebra la “festa della pallacanestro “ ed è una giornata molto importante per la squadra di basket in carrozzina locale perchè per la prima volta si ritrova a giocare una partita in un palazzetto cosi’ grande e con un pubblico cosi’ numeroso. La squadra del “Lyon Métropole Handibasket Club” è stata fondata nel 2005 e gioca nella seconda divisione francese. Khaled Aït-Ouferoukh non è soltanto un giocatore, lui è anche il presidente del club. “E ‘uno sport a tutti gli effetti che permette agli atleti sia di sviluppare una passione, che di divertirsi. E’ anche un modo per superare i propri limiti. Anche se si dispone di un handicap c‘è un sacco di sport che si può fare”.

IL TWEET DI HANDISHARE

Match #handibasket à #gerland. L équipe Handishare</a> applaudit la victoire écrasante de <a href="https://twitter.com/hashtag/Lyon?src=hash">#Lyon</a> contre le <a href="https://twitter.com/hashtag/cfhb?src=hash">#cfhb</a> ce 18 février. <a href="https://t.co/JnEpQWlpQ6">pic.twitter.com/JnEpQWlpQ6</a></p>&mdash; Handishare (Handishare) 19 febbraio 2017

Valter Mendes, invece, è portoghese e ha iniziato a giocare nel suo paese d’origine. Diversamente dalla maggior parte dei suoi compagni di squadra, non è costretto su una sedia a rotelle nella vita quotidiana, ma ha un impiego limitato delle sue gambe. “Ho iniziato a giocare nel ’98 a Leiria, il posto dove sono nato. Poi sono venuto in Francia per un nuovo lavoro ed ho trovato questa squadra che mi ha permesso di continuare a praticare questo sport che amo così tanto. E’ qualcosa che mi dà un sacco di soddisfazioni ed è anche una via di fuga dalla routine quotidiana. Mi permette di conoscere ambienti diversi. Se giochi a livello nazionale, si viaggia in tutto il paese.

LA GIORNATA DI FESTA SUL TWITTER DEL LYON BASKET

Fin de la rencontre et victoire du Lyon Métropole Handibasket face au CFBB: 50-30. #LBFamilypic.twitter.com/HhNeEmHC5p

— Lyon Basket (@LYONBF) 18 febbraio 2017

Alcune squadre sono anche miste. Lisa Clary, per esempio, gioca per la squadra del “Centro Federale” e viene da Bordeaux: “Non ci sono abbastanza ragazze in situazioni di questo handicap per creare una squadra. Quindi è buono che ci consentano di giocare in squadre miste in campionato. Questo ci permette di giocare ad un livello molto avanzato. C‘è una differenza di livello.a giocare contro gli uomini”.

La squadra di casa, il Lyon Métropole, ha battuto Centro Féderale 50-30. Ma è solo un dato di cronaca, il risultato non conta. Importante è la forza di volontà di questi atleti, che insegna molte cose a tutti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni europee 2024, Portogallo: al voto con un tasso di astensione tra i più alti d'Europa

25 aprile: Il Portogallo celebra il cinquantesimo anniversario della rivoluzione dei Garofani

Portogallo: a 50 anni dalla rivoluzione, i garofani stanno appassendo?