Argentina: si stringe il cerchio attorno a Cristina Kirchner, accusata di peculato

Argentina: si stringe il cerchio attorno a Cristina Kirchner, accusata di peculato
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Argentina: un gigantesco giro di mazzette e peculato minaccia ex presidentessa Kirchner. Congelati tutti i suoi conti per centinaia di milioni

PUBBLICITÀ

La ex presidentessa argentina Cristina Fernandez de Kirchner è stata imputata per associazione illecita e peculato, per aver fatto parte di una rete illegale che pilotava l’assegnazione dei lavori pubblici per favorire il costruttore Lazaro Baez, che, questa l’accusa, sarebbe stato suo socio occulto che riciclava una parte dei finanziamenti pubblici attraverso aziende fantasma in vari paradisi fiscali.

L’associazione illecita sarebbe emersa pochi giorni dopo l’elezione di Nestor Kirchner, nel 2003, quando Baez, fino ad allora uno sconosciuto impiegato bancario di Santa Cruz, la provincia della Patagonia governata da Kirchner crea un’azienda che si vede assegnare l’82% dei lavori pubblici a Santa Cruz, grazie all’appoggio dell’amministrazione federale.

Baez è stato arrestato ed imputato di riciclaggio nell’aprile scorso, dopo la diffusione di un video nel quale di vedeva uno dei suoi figli e il suo ragionieri contando milioni di dollari in contanti in una finanziaria di Buenos Aires.

La Kirchner, non più coperta da immunità presidenziale, potrebbe essere la prossima.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Argentina: proteste contro le riforme di Milei, scontri davanti al parlamento di Buenos Aires

Argentina: primo sciopero generale contro Milei e le sue politiche radicali

Argentina, un tribunale sospende la riforma ultraliberista del lavoro