EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

"Governo spaccato, niente piani sulla Brexit". Il Times: "Abbiamo le prove"

"Governo spaccato, niente piani sulla Brexit". Il Times: "Abbiamo le prove"
Diritti d'autore 
Di Diego Giuliani
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il quotidiano pubblica un documento che attribuisce a un consulente del governo. La premier Theresa May smentisce: "Non è nostro, ne ignoriamo il contenuto"

PUBBLICITÀ

A quasi cinque mesi dal referendum sulla Brexit, il governo di Theresa May non avrebbe ancora alcun piano su come lasciare l’Europa. La premier britannica smentisce tramite un portavoce, ma a sostenerlo è un documento pubblicato dal quotidiano Times e attribuito a un consulente del governo. Il testo, datato 7 novembre e intitolato “Brexit Update” – aggiornamento sulla Brexit – imputa lo stallo soprattutto alle pronunciate spaccature fra ministri anti- e filo-europeisti.

UK government has no overall plan for Brexit, leaked memo cited by BBC says https://t.co/AesEOw165j

— Reuters World (@ReutersWorld) 15 novembre 2016

*II un lancio dell’agenzia Reuters le prime reazioni di Downing Street: “Non è un documento del governo, non riconosciamo i suoi contenuti”*Intitolato “Spaccature del gabinetto minacciano di far naufragare i negoziati sulla Brexit”, l’articolo del Times è riservato ai soli abbonati. Qui è possibile leggerne i primi paragrafi.

“Aggiornamenti sulla Brexit”: cosa dice il documento della discordia

Per arrivare a comporre le divisioni, il documento sostiene che possano volerci fino a sei mesi in più: un lasso di tempo che, se confermato, impedirebbe di attivare le procedure a marzo, come annunciato da Theresa May. Tra le ragioni pratiche del ritardo, secondo lo stesso memorandum, il fatto che – a fronte di un mancato progetto unitario da parte del governo – ciascun Ministero abbia attivato i propri progetti, per un totale di “oltre 500”: una mole di lavoro che, per essere smaltita, potrebbe richiedere (e costare ai contribuenti), il lavoro di 30.000 funzionari pubblici.

I principali punti del documento

Ancora nessuna strategia comune: “Alla luce dell’evoluzione della situazione politica nella UE e nel Regno Unito, potrebbero volerci 6 mesi prima che matruri una visione su priorità e strategie per i negoziati. Nonostante un vasto dibattito a livello ministeriale non è emersa alcuna strategia comune”.

Brexiters vs europeisti: un gabinetto spaccato: “Le divisioni interne al Gabinetto sono fra 3 sostenitori della Brexit da un lato (ndr: tra cui il Ministro degli esteri Boris Johnson) e (ndr: il cancelliere dello Scacchiere) Philipp Hammond (ndr: e il Ministro al Commercio) Greg Clark dall’altra”.

“Theresa May vuole fare tutto da sola (ma non ce la farà)”:“Il Primo ministro (ndr: Theresa May) sta rapidamente guadagnando la fama di qualcuno che vuole risolvere problemi e dettagli da sola – uno scenario che difficilmente potrà realizzarsi”.

Troppi progetti e boom di personale richiesto: i numeri della paralisi: “Singoli dipartimenti ministeriali sono stati impegnati a redigere propri progetti, dandone così vita a ben oltre 500, un numero che eccede di gran lunga la capacità del governo di metterli in atto (…). L’incremento di personale (ndr: necessario ad attuarli) è stimato tra le 10.000 e le 30.000 unità”.

Interesse di Theresa May, sempre in base a quanto riportato dal documento pubblicato dal Times, sarebbe limitare un dibattito pubblico sulla Brexit che metterebbe in luce le spaccature in seno al suo gabinetto e rafforzerebbe il fronte degli europeisti. È a questo scopo, secondo l’autore, che risponderebbe l’appello del governo britannico al verdetto dell’Alta corte, che a inizio novembre aveva stabilito come l’attivazione delle procedure per lasciare l’Europa richiedano un preventivo via libera del parlamento britannico. L’appello sarà esaminato dalla Corte suprema dal 5 all’8 dicembre.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Come potrebbero cambiare le politiche migratorie del Regno Unito con un governo laburista

Una vittoria dei laburisti potrebbe avvicinare il Regno Unito all'Ue?

Stonehenge riapre al pubblico dopo il blitz vandalico di Just Stop Oil: "i monoliti sono integri"