EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Etiopia, la polizia reprime una protesta. Si parla di centinaia di morti

Etiopia, la polizia reprime una protesta. Si parla di centinaia di morti
Diritti d'autore 
Di Debora Gandini
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Tragedia all'annuale raduno religioso a Oromia a sud-est di Addis Abeba. La polizia carica manifestanti anti-governativi, numerosi i morti.

PUBBLICITÀ

Si è trasformata in tragedia l’annuale raduno religioso a Oromia a sud-est di Addis Abeba in Etiopia.

Alla manifestazione partecipavano almeno due milioni di persone e alcune hanno cominciato a scandire slogan antigovernativi. La polizia, per disperdere la folla, avrebbe sparato gas lacrimogeni e pallottole di gomma scatenando il panico. Il bilancio non ufficiale parla di centinaia di vittime. La polizia di 50 morti. Di fatto sono decine le persone precipitate nei fossi che circondano la zona e rimaste schiacciate da chi cadeva dopo di loro. Il governo ha annunciato che i responsabili pagheranno davanti alla giustizia.

#IrreechaMassacre: Acc Jawar_Mohammed</a> in addition to 120 bodies at Bishoftu hospital.175 bodies transported to AA <a href="https://t.co/ba0eDUHWWk">pic.twitter.com/ba0eDUHWWk</a>"</p>&mdash; #Oromo (RealOromo) 2 de octubre de 2016

Da mesi l’Etiopia è teatro di manifestazioni di protesta organizzate per una maggiore libertà e contro un piano di espansione nella regione di Oromia, generando malumori specie tra i numerosi contadini (di etnia oromo) della zona preoccupati di dover lasciare le proprie terre. Nei giorni scorsi anche gli Stati Uniti si sono detti preoccupati per l’eccessivo uso della forza parte dell’esercito contro i manifestanti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Addis Abeba: torna "Ashenda", la festa delle donne del Tigray

La polizia carica gli studenti a Pisa e Firenze, Mattarella: "Manganelli esprimono un fallimento"

Le vittime dei Troubles nordirlandesi contro l'amnistia ai combattenti