EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Referendum Republika Srpska, un successo secondo Milorad Dodik

Referendum Republika Srpska, un successo secondo Milorad Dodik
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il leader dei serbi di Bosnia Milorad Dodik celebra quello che definisce un successo: il referendum sul mantenimento della festa nazionale della Republika Srpska, entità a maggioranza serba di…

PUBBLICITÀ

Il leader dei serbi di Bosnia Milorad Dodik celebra quello che definisce un successo: il referendum sul mantenimento della festa nazionale della Republika Srpska, entità a maggioranza serba di Bosnia.

Dodik ha preso la parola a Pale che durante la guerra in Bosnia Erzegovina era la roccaforte di Radovan Karadzic: “Sono molto fiero della gente della Repubblica Srpska” ha detto “fiero di tutti quanti hanno votato oggi, e devo dire vergogna ai serbi che non si son fatti vedere al referendum. Era qualcosa di davvero importante per la popolazione. Ecco perchè oggi posso dire chiaro e forte che il referendum è stato un successo”.

La festa nazionale della Republika Srpska che si celebra il 9 gennaio commemora la nascita della repubblica del popolo serbo, 3 mesi prima della guerra che tra il 1992 e il 1995 ha fatto oltre 100.000 morti.

La Bosnia odierna è nata dagli accordi di Dayton che hanno posto fine alla guerra nel 1995 ma le comunità croato-musulmana e quella serba stabilite dagli accordi coesistono in una condizione d’attrito permanente. A emblema di tale tensione, la Corte Costituzionale bosniaca aveva vietato l’organizzazione del referendum. Oltre il 99% dei votanti si è espresso a favore del mantenimento della festa del 9 gennaio.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Come trent'anni fa: i serbi di Bosnia rivogliono la secessione

Bosnia, controverso referendum tra i serbi di Banja Luka

Republika Srpska: via libera al referendum da Milorad Dodik