EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Siria, frequenti violazioni della tregua e aiuti ancora fermi

Siria, frequenti violazioni della tregua e aiuti ancora fermi
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

In Siria la tregua, in attesa di ulteriore proroga, già registra un crescendo di violazioni e di scambi di accuse: il governo di Damasco accusa i ribelli di aver attaccato nei pressi di Jobar, un quar

PUBBLICITÀ

In Siria la tregua, in attesa di ulteriore proroga, già registra un crescendo di violazioni e di scambi di accuse: il governo di Damasco accusa i ribelli di aver attaccato nei pressi di Jobar, un quartiere della capitale che secondo i ribelli sarebbe invece stato colpito dall’aviazione e dall’artiglieria governative. Altri scontri si registrerebbero nella zona di Idlib. Informazioni non verificabili al momento.

Resta intanto tesa anche la situazione sugli aiuti umanitari, in particolare quelli destinati ad Aleppo est: le lungaggini burocratiche delle autorità siriane hanno innervosito anche l’alleato russo, e le Nazioni Unite da Ginevra tornano a sottolineare l’urgenza:

“Noi siamo pronti a partire appena possibile. Le modalità per garantire la sicurezza del passaggio non sono ancora state stabilite e non ci consentono ancora di muoverci. Sappiamo che ci sono almeno 250.000 persone ad Aleppo est che hanno bisogno di varie forme di aiuti”.

Alcune decine di camion hanno passato la frontiera turco-siriana negli ultimi giorni e nelle ultime ore, ma restano fermi nella terra di nessuno in attesa che le autorità siriane procedano ad apporre i sigilli e a garantire la sicurezza di Castello road.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Siria. I russi confermano il ripiegamento di Damasco. De Mistura: fare più presto

Siria, l'eterna attesa degli aiuti umanitari

Siria, morti e feriti per un attacco aereo russo in un'area controllata dalle milizie ribelli