EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Hiroshima: pro e contro la visita di Obama

Hiroshima: pro e contro la visita di Obama
Diritti d'autore 
Di Lilia Rotoloni
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il Giappone si è diviso sulla visita di Obama a Hiroshima. Da una parte le migliaia di persone che si sono ammassate lungo il percorso presidenziale con la speranza di fotografare il capo della Casa

PUBBLICITÀ

Il Giappone si è diviso sulla visita di Obama a Hiroshima.

Da una parte le migliaia di persone che si sono ammassate lungo il percorso presidenziale con la speranza di fotografare il capo della Casa bianca. Fra loro anche una sopravvissuta:

Sono molto felice di vederlo qui. Già in passato il presidente americano si è impegnato a inviare un messaggio di pace, e oggi ha messo in pratica le sue parole. Sono pronta a dargli un caloroso benvenuto.

‘Ha tradito le nostre speranze’

Molti altri hanno invece partecipato a cortei di protesta accusando Obama proprio di aver tradito le speranze che lo avevano portato al Nobel per la pace nel 2009.

Dice una manifestante:

Sono assolutamente contraria alla sua visita. Viene qui perché ha in mente una nuova guerra atomica, ci usa come un megafono.

Obama è accusato di aver tradito le speranze di disarmo nate con la sua presidenza. Ma nel mirino dei dimostranti c‘è anche il neo militarismo incarnato dall’attuale governo giapponese.

#Hiroshima “Il y a 71 ans, la mort est tombée du ciel” Barack Obama​https://t.co/JyLWwHmGcY

— Ina.fr (@Inafr_officiel) 27 mai 2016

Obama in Hiroshima: “71 years ago, on a bright cloudless morning, death fell from the sky and the world was changed” https://t.co/LDQ0t7iF0H

— The New York Times (@nytimes) 27 mai 2016

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Obama a Hiroshima per ricordare il giorno in cui il fuoco cadde dal cielo

Brindisi: proteste contro il “G7 della guerra”

Gaza, non si fermano le proteste: a Tel Aviv per gli ostaggi, a Los Angeles contro l'università