ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Secondo rapporto Usa la distruzione dell'ospedale di Msf fu un tragico errore

Lettura in corso:

Secondo rapporto Usa la distruzione dell'ospedale di Msf fu un tragico errore

Secondo rapporto Usa la distruzione dell'ospedale di Msf fu un tragico errore
Dimensioni di testo Aa Aa

Un tragico errore umano, l’ospedale di Medici Senza Frontiere a Kunduz, in Afghanistan, fu colpito perchè scambiato per un avamposto dei talebani che si trovava poco lontano.

È quanto afferma il rapporto dell’inchiesta militare americana circa il raid aereo del 3 ottobre scorso, in cui morirono 30 medici.

A Washington sono intanto saltate le prime teste, alcuni militari sono stati sospesi dalle loro funzioni, ma non si conoscono con certezza nome o grado.

A metterci la faccia il generale John Campbell, comandante della missione nel Paese: “Si è trattato di un tragico errore. Mai le forze armate statunitensi colpirebbero deliberatamente un ospedale. Posso dirvi che le persone coinvolte nell’incidente sono state sospese e sono in attesa di sanzioni disciplinari e amministrative”.

Risposte che non lasciano certo soddisfatto il direttore dell’organizzazione umanitaria: “Oggi siamo stati lasciati con più domande che risposte, sul come una serie incredibile di errori possano essere stati compiuti e su quali regole di ingaggio siano state applicate quella notte dai militari. Per questo continuiamo a chiedere un’indagine indipendente”.

Ufficialmente le 3mila pagine del rapporto rivelano come i piloti non abbiano potuto fare affidamento sulla strumentazione di bordo per individuare il vero obiettivo, un compound usato dall’intelligence afghana e sequestrato dai talebani. Si sono fidati di dati sballati e hanno colpito l’ospedale credendo fosse un covo di terroristi.