EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Emergenza migranti, il Presidente siriano Assad: "Colpa dell'Europa: aiuta i terroristi"

Emergenza migranti, il Presidente siriano Assad: "Colpa dell'Europa: aiuta i terroristi"
Diritti d'autore 
Di Debora Gandini
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Mentre sono migliaia i siriani in fuga da un paese stremato dalla guerra civile il loro presidente torna a puntare il dito contro l’Occidente: in

PUBBLICITÀ

Mentre sono migliaia i siriani in fuga da un paese stremato dalla guerra civile il loro presidente torna a puntare il dito contro l’Occidente: in particolare Bashar Al Assad in un’intervista ai media russi dichiara che per per fermare l’emergenza immigrazione l’Europa deve smettere di aiutare i terroristi.

“C‘è stato molto sgomento per la morte di un bambino in mare ma non per le migliaia di bambini che sono stati uccisi dai terroristi in Siria. Perchè si prova lo stesso sentimento per anziani, donne e uomini siriani? Queste visioni europee non sono più accettabili”, ha detto Assad.

L’Europa dunque, secondo il Rais, non è in grado in arrivare al cuore del problema perché non affronta il motivo reale del crescente flusso di profughi. In pratica secondo Al Assad non ci si può opporre ai terroristi e stare allo stesso tempo dalla loro parte: “L’Occidente ha sempre sostenuto i terroristi fin dall’inizio della crisi in Siria, definendola prima “rivolta pacifica”, poi opposizione moderata, e adesso terrorismo, terroristi come quelli di Al-Nusra e ISIL”.

Infine sulla sua presidenza, molto contestata da Stati Uniti ed Europa Al Assad conferma: “Me ne andrò solo quando me lo chiederà il popolo, e non Washington.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Siria, raid all'ambasciata dell'Iran a Damasco: Khamenei, "Israele sarà punito"

Siria: autobomba esplode in un mercato, morti e feriti

Attacco aereo israeliano su Damasco: ucciso un comandante iraniano