EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Jean-Marie Le Pen fuori dal FN, ma la battaglia continua

Jean-Marie Le Pen fuori dal FN, ma la battaglia continua
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La rottura tanto annunciata si è finalmente consumata. Rottura tra padre e figlia, Jean-Marie e Marine Le Pen, ma soprattutto tra la vecchia guardia

PUBBLICITÀ

La rottura tanto annunciata si è finalmente consumata. Rottura tra padre e figlia, Jean-Marie e Marine Le Pen, ma soprattutto tra la vecchia guardia reazionaria del Front National e la nuova leva che intende davvero prendere il potere in Francia. La prima reazione di Jean-Marie Le Pen:
“Essere perseguito dalla direzione del movimento che si è fondato e quando la presidente del movimento è la propria figlia, beh… è davvero una dura prova”.

L’anziano leader è colui che nel secondo dopoguerra aveva riunito sotto un unico tetto varie formazioni di estrema destra,nostalgiche del fascismo e del regime filonazista di Vichy. Un percorso sfociato nel 2002 nella più grande sfida al potere francese, quando Jean-Marie Le Pen giunse al ballottaggio presidenziale, vinto da Jacques Chirac soltanto grazie all’appoggio di tutte le forze politiche dell’arco costituzionale.
Allora Marine Le Pen appoggiava il padre.

E’ stata lei a prendere poi, per successione dinastica, le redini del partito, cercando di dargli un volto più rispettabile. Sforzo che, in presenza delle continue provocazioni del padre, doveva passare per l’estromissione di quest’ultimo. Il quale però è deciso a continuare la battaglia dei ricorsi.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Proteste in Nuova Caledonia: il presidente francese Macron in partenza per una missione

Proteste in Nuova Caledonia: i motivi delle accuse della Francia all'Azerbaijan

Nuova Caledonia: sesta vittima durante le proteste, perché Parigi accusa l'Azerbaijan