EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Skopje: secondo giorno di proteste contro l'esecutivo Gruevski

Skopje: secondo giorno di proteste contro l'esecutivo Gruevski
Diritti d'autore 
Di Euronews Agenzie:  Ansa
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

A Skopje va avanti la protesta a oltranza di oppositori che chiedono le dimissioni del premier conservatore macedone Nikola Gruevksi, accusato di

PUBBLICITÀ

A Skopje va avanti la protesta a oltranza di oppositori che chiedono le dimissioni del premier
conservatore macedone Nikola Gruevksi, accusato di corruzione e autoritarismo.

Gruppi di oppositori hanno trascorso la prima notte al bivacco davanti alla sede del governo, dormendo in tende e sacchi a pelo. Con cibo, musica e rifornimenti da campeggio intendono proseguire a oltranza la protesta fino a
quando Gruevski non accetterà di dimettersi.

È quello che chiede questa donna: “Non ci lasceremo smontare e non ce ne andremo fino a quando questo premier e i suoi ministri non andranno a casa”.

Dopo la grande manifestazione di domenica, alla quale hanno partecipato decine di migliaia di persone, centomila secondo alcune fonti, Alcuni parlano di un nuovo Maidan. Questo lunedì sera è in programma nel centro della capitale una contromanifestazione di sostenitori del governo
conservatore. E sempre questo lunedì su iniziativa dei rappresentanti internazionali s’incontrano il premier Gruevski e il leader dell’opposizione socialdemocratica Zoran Zaev, promotore della protesta.

tweet from an independent journalist showing the camp

Far from the thousands promised but a small group remain camped out outside the govt building in #Skopje#Macedoniapic.twitter.com/jMwI0HqHLJ

— Lizzie Phelan (@LizziePhelan) Mayo 18, 2015

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La crisi in Macedonia minaccia il fragile equilibrio nei Balcani

Georgia: la Commissione di Venezia boccia la legge russa, minaccia la libertà di espressione

Calamità e cospirazione: tutti i leader europei morti in incidenti aerei