ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La Lituania celebra 25 anni di indipendenza col timore di un'aggressione russa

Lettura in corso:

La Lituania celebra 25 anni di indipendenza col timore di un'aggressione russa

La Lituania celebra 25 anni di indipendenza col timore di un'aggressione russa
Dimensioni di testo Aa Aa

L’11 marzo 1991, la Lituania diventava la prima repubblica sovietica a dichiararsi indipendente.

Venticinque anni dopo, Vilnius ha celebrato la ricorrenza in un clima di inquietudine. L’annessione russa della Crimea e il sostegno prestato da Mosca ai separatisti ucraini fanno dire alla presidente lituana, Dalia Grybauskaite, che la minaccia non è estinta.

“Oggi – ha affermato – dobbiamo ritrovare la stessa unità di 25 anni fa. Nuovamente sentiamo il clamore delle armi provenire dalla stessa direzione e nuovamente la forza viene usata per mettere a tacere la libertà”.

Secondo il primo capo dello Stato della Lituania post-sovietica, Vytautas Landsbergis, aver integrato la Nato e l’Unione europea non basta per dirsi al sicuro: “Se il folle aggressore non sarà fermato e l’impero tornerà a minacciare le sue vecchie colonie, la storia di successo scritta dal nostro Paese potrebbe rivelarsi temporanea e mutarsi presto in cenere”, ha detto, mostrandosi scettico sull’eventualità che gli altri membri dell’Unione europea intervengano in difesa della Lituania.

Per rassicurare i Paesi baltici contro il rischio di un’aggressione, gli Stati Uniti hanno iniziato a inviare 750 veicoli ed equipaggiamenti militari a Riga, in Lettonia. Tremila soldati americani parteciperanno a esercitazioni congiunte nella regione fino a giugno.