EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Islanda, eruzione vulcanica a sud della capitale. Ecco le conseguenze nei cieli d'Europa

Islanda, nord di Grindavik
Islanda, nord di Grindavik Diritti d'autore Rose Breen
Diritti d'autore Rose Breen
Di Rebecca Ann Hughes
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Una potente eruzione vulcanica ha avuto luogo questa notte nella zona di Grindavik, in Islanda.

PUBBLICITÀ

Lunedì notte si è verificata un'eruzione vicino alla città di Grindavik, sulla penisola islandese di Reykjanes, scossa da settimane da migliaia di piccoli terremoti. L'ultima eruzione è iniziata alle 22:17 a circa 4 km a nord-est di Grindavik.

Secondo l'ufficio meteorologico islandese, l'intensità dell'eruzione è diminuita nelle prime ore di martedì mattina, ma non si sa ancora quanto durerà.

"Potrebbe durare una settimana, o potrebbe volerci un po' più di tempo", afferma lo scienziato Magnus Tumi Gudmundsson, che ha sorvolato il sito martedì mattina a bordo di un volo di ricerca della guardia costiera.

Nonostante si trovi a soli 20 km a nord del luogo dell'eruzione, l'aeroporto internazionale di Keflavik, il principale aeroporto internazionale dell'Islanda, è ancora aperto e i voli continuano ad arrivare e partire. La strada tra l'aeroporto e Grindavik è invece chiusa.

Se hai intenzione di viaggiare da o verso l’area interessata, ecco tutti i dettagli sui consigli dei governi europei e su quali compagnie aeree stanno ancora operando voli.

L'eruzione del vulcano islandese "non è un'attrazione turistica"

Le autorità islandesi hanno dichiarato lo stato di emergenza a novembre dopo che centinaia di piccoli terremoti hanno scosso la penisola di Reykjanes, la regione più popolata della nazione insulare. 4.000 persone sono state evacuate dalla zona. Ciò significava che fortunatamente poche persone erano vicine al luogo dell'eruzione avvenuta lunedì notte.

"Questo fenomeno naturale non è un'attrazione turistica e bisogna guardarlo da lontano", ha detto all'emittente nazionale RUV Vidir Reynisson, capo della protezione civile e della gestione delle emergenze islandesi.

La spettacolare eruzione in Islanda.
La spettacolare eruzione in Islanda.AP/AP

La fessura eruttiva è lunga circa 4 km. L'estremità settentrionale si trova ad est di Stóra-Skógfell e l'estremità meridionale ad est di Sundhnúk.

Questo fenomeno naturale non è un'attrazione turistica e bisogna guardarlo da lontano.
Vidir Reynisson
Capo della protezione civile

Per i residenti le emozioni sono contrastanti. "La città potrebbe finire sotto la lava", ha detto Ael Kermarec, una guida turistica francese che vive in Islanda. "È uno spettacolo incredibile da vedere, ma fa anche paura", ha dichiarato.

I voli per l'Islanda sono stati cancellati?

Le eruzioni vulcaniche possono rappresentare un grave pericolo per i viaggi aerei, poiché la cenere rilasciata nell’atmosfera può causare il guasto dei motori dei jet, danneggiare i sistemi di controllo del volo e ridurre la visibilità.

Le autorità islandesi hanno alzato l'allerta aerea a livello arancione, indicando che, nonostante sia in corso un'eruzione vulcanica, l'emissione di cenere non è certa.

I voli continuano attualmente ad operare normalmente verso il vicino aeroporto internazionale di Keflavik. Non ci sono state cancellazioni o ritardi significativi a causa dell’eruzione. Islandair afferma che non c'è stato alcun impatto sul suo programma di volo e Play afferma di non aspettarsi alcuna interruzione del suo programma.

La maggior parte delle compagnie aeree ha affermato che contatterà direttamente i clienti se la situazione dovesse cambiare. Ai passeggeri è stato consigliato di tenere d'occhio i messaggi della loro compagnia aerea.

Una grave eruzione in Islanda nell'aprile 2010 ha causato diffusi disagi ai viaggi aerei tra l'Europa e il Nord America. Il quarto di miliardo di metri cubi di cenere vulcanica espulsa nell'aria ha causato la cancellazione di oltre 100.000 voli in un periodo di otto giorni. Il vulcano Eyjafjallajokull, però, eruttò in circostanze che contribuirono all'immensa dimensione della sua nube di cenere: un ghiacciaio sopra il vulcano fece sì che l'acqua di fusione raffreddasse rapidamente la lava, creando minuscole particelle che si diffusero rapidamente in tutta Europa.

In and around Grindavik, the seismic activity has caused large cracks to appear in roads and golf courses.
In and around Grindavik, the seismic activity has caused large cracks to appear in roads and golf courses.RUV/RAGNAR VISAGE/Ragnar Visage

La recente eruzione è avvenuta in circostanze molto diverse, riducendo le possibilità di un simile caos nei cieli europei. Negli ultimi tre anni, per esempio, si sono verificate tre eruzioni nella penisola di Reykjanes senza alcun impatto sui viaggi aerei.

PUBBLICITÀ

Inoltre, l’Agenzia europea per la sicurezza aerea (EASA) è ora più preparata per un grande evento di cenere vulcanica.

"In caso di eruzione e sviluppo di una nuvola di cenere, l'agenzia lavorerà con altri attori dell'aviazione per valutare l'impatto per l'aviazione e formulare raccomandazioni di conseguenza", si legge in una dichiarazione sul sito web dell'EASA di novembre.

È sicuro viaggiare in Islanda?

Il Ministero degli Esteri britannico non ancora aggiornato i suoi consigli per chi deve viaggiare verso l'Islanda, ma in precedenza ha invitato i viaggiatori a rivolgersi all'ufficio meteorologico islandese e a Safe Travel Island per gli ultimi consigli.

Le autorità hanno affermato che l'area dell'eruzione è chiusa fino a nuovo avviso, chiedendo a tutti di rispettare la chiusura. Tuttavia, non hanno sconsigliato del tutto il viaggio nel paese. Ai turisti viene richiesto però di stare lontani dalla città di Grindavík e dintorni, e di seguire le indicazioni delle autorità locali.

PUBBLICITÀ

Non c'è stato per il momento un avviso di divieto di viaggio per il Paese, il che significa che le compagnie aeree e le società di vacanze operano normalmente e che i viaggiatori che annullano il viaggio non hanno diritto automaticamente a un rimborso.

"Per coloro che sono preoccupati per la copertura assicurativa di viaggio e per sapere se annullare un viaggio sia la soluzione migliore, consigliamo ai viaggiatori di esercitare il buon senso e viaggiare con saggezza", afferma Jonathan Frankham, direttore generale della compagnia di assicurazioni di viaggio World Nomads.

"È importante sottolineare che è improbabile che le polizze acquistate dopo che i terremoti e la conseguente eruzione vulcanica sono diventate un 'evento noto' funzionino, ma ti consigliamo di controllare il testo della polizza per i dettagli esatti."

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Blocco informatico: ritardi e cancellazioni dei voli, cosa fare e cosa dicono le compagnie aeree

Milano, l'aeroporto di Malpensa sarà intitolato a Silvio Berlusconi, ma scoppiano le proteste

Attraversa lo Stretto di Messina su una fune, ma scivola a 80 metri dalla fine e manca il record