This content is not available in your region

Esplorando Tokyo: dai trend di Harajuko alle vestigia del Meiji Jingu

euronews_icons_loading
Esplorando Tokyo: dai trend di Harajuko alle vestigia del Meiji Jingu
Diritti d'autore  euronews
Di Charlotte Kan
Dimensioni di testo Aa Aa

Come ha fatto il quartiere di Harajuku a diventare un luogo così vivace? Dalla trendy Takeshita Street, con i suoi negozi di moda "kawaii", al santuario Meiji Jingu, passando per il famoso Yoyogi Park, che fu la "casa" dei militari statunitensi dopo la Seconda Guerra Mondiale.

Harajuku, quartiere famoso in tutto il mondo come il fulcro della moda giovanile più estrema, ha molto da offrire a chi è interessato a cultura e storia. Il cuore della cultura di strada di Harajuku è la famosa Takeshita Street, 350 metri di moda colorata, cibo e divertimento.

euronews
La stilista Mathilde Baker si compra un gelato in Takeshita Streeteuronews

La nostra guida è Mathilde Baker, una stilista francese che lavora nella zona e che ci spiega come l'atmosfera creativa di Harajuku abbia sviluppato negli anni il suo aspetto caratteristico.

"Harajuku è uno stile di vita che ho adottato più di 10 anni fa", racconta la giovane. "C'è una comunità intorno a questo movimento: ci incontriamo, ci scambiamo idee, creiamo amicizie... Harajuku è lo stile Lolita, che esiste già da un po'. C'è anche lo stile decorativo, che è molto colorato, con molti accessori. Esistono poi mix con gli stili tradizionali giapponesi, come il mio kimono che indosso oggi. E poi ci sono anche stili più dark, più gotici".

euronews
Il negozio di Rimma Doi, in una foto degli anni '80euronews

Molti stilisti espongono qui le proprie creazioni selvagge, come Rimma Doi, proprietario di un negozio, che ha chiamato AC/DC. "Mio padre ha aperto questo negozio nel 1980", ci spiega. "Tanti giovani sono venuti qui e sono nate tante culture diverse. Ora abbiamo la cultura 'kawaii', che è un mix di molte culture di tanti Paesi. Quando ci si sente carini, ecco si tratta di 'kawaii'! Ai giapponesi piacciono le regole, ma abbiamo anche uno spirito punk!"

È probabile che lo spirito libero di Harajuku sia il risultato dell'incontro - o dello scontro - tra la cultura giapponese e quella occidentale, vissuta dopo la Seconda Guerra Mondiale.

euronews
Il negozio di giocattoli Kiddy Land'euronews

Kiddy Land' è un negozio di giocattoli sul viale Omotesando, uno dei primi a vendere articoli alle famiglie americane, che vivevano nel quartiere abitativo per militari, costruito subito dopo la guerra e divenuto presto un quartiere di tendenza.

Tsuyoshi Yamada, storico giapponese, ci spiega che il parco è servito a diversi scopi, fin dagli anni '40. "L'esercito americano voleva fare dello Yoyogi Park un posto dove gli ufficiali potessero vivere con le proprie famiglie e lo ha trasformato in un complesso familiare chiamato 'Washington Heights'. I Giochi Olimpici si svolsero nel 1964 e in quel periodo il Villaggio Olimpico accolse molti atleti. Lo Yoyogi Park aprì poi al pubblico nel 1967".

euronews
Lo Yoyogi Parkeuronews

Oggi Yoyogi è uno dei parchi più popolari di Tokyo. A due passi c'è Meiji Jingu. Ogni anno, più di dieci milioni di persone passano dalle porte di Torii.

Completato nel 1920, questo santuario shintoista è dedicato alle anime dell'imperatore Meiji e dell'imperatrice Shoken. Fu distrutto durante i raid aerei della Seconda Guerra Mondiale, ma venne ricostruito negli anni 50.

euronews
Il santuario Meiji Jingu in foto d'epocaeuronews

L'atmosfera di Meiji Jingu si presta a esperienze spirituali.

Qui, come nel resto di Tokyo, l'antico convive con il nuovo. Progettato dal famoso architetto Kengo Kuma, un museo è stato inaugurato nel 2019, per celebrare il centenario del santuario.

Lontano dal trambusto delle vie dello shopping di Harajuku, Meiji Jingu è un'oasi di pace, un luogo dove i visitatori possono perdersi in 70 ettari di foresta sacra, proprio nel cuore di Tokyo.