EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Aspartame "possibile" causa di cancro. Quali prodotti lo contengono?

Le marche di gomme da masticare come Extra, Orbit, Trident, Mentos e le alternative senza zucchero Freedent utilizzano l'aspartame come principale o uno dei principali agenti dolcificanti.
Le marche di gomme da masticare come Extra, Orbit, Trident, Mentos e le alternative senza zucchero Freedent utilizzano l'aspartame come principale o uno dei principali agenti dolcificanti. Diritti d'autore Euronews/Canva
Diritti d'autore Euronews/Canva
Di Camille Bello
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Le conclusioni dell'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (Iarc) sul dolcificante

PUBBLICITÀ

L'agenzia oncologica dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha giudicato l'aspartame - il dolcificante presente nelle bibite dietetiche e in numerosi altri alimenti - una "possibile" causa di cancro, mentre un altro gruppo di esperti che ha esaminato gli stessi risultati ha fatto sapere di considerare il sostituto dello zucchero ancora sicuro in quantità limitate.

La prima conclusione proviene dall'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro, organismo dell'Oms responsabile della valutazione del potenziale cancerogeno delle sostanze. La seconda da un gruppo di esperti selezionati dall'Oms e dalla Fao.

L'aspartame rientra in una categoria che comprende più di 300 altri "possibili" agenti cancerogeni, tra cui l'estratto di aloe vera, le verdure sottaceto di origine asiatica e i lavori di falegnameria.

L'Agenzia per la ricerca sul cancro prevede due classificazioni più gravi: "probabilmente cancerogeno per l'uomo" e "cancerogeno per l'uomo".

Sia il fumo di tabacco sia il consumo di carne lavorata sono classificati come "cancerogeni per l'uomo". L'acetaldeide (derivante dal consumo di bevande alcoliche) è classificato come "probabilmente cancerogeno per l'uomo".

La decisione di etichettare l'aspartame fa seguito a un avvertimento dell'Oms del maggio di quest'anno, secondo cui i dolcificanti artificiali non sono un aiuto per la perdita di peso e possono anzi aumentare il rischio di diabete, malattie cardiache e morte.

L'anno scorso, un ampio studio condotto in Francia ha evidenziato un possibile legame tra i dolcificanti artificiali e l'aumento del rischio di cancro. Inoltre, organizzazioni sanitarie nazionali come quella canadese hanno da tempo avvertito che i sostituti dello zucchero a zero o a basso contenuto calorico non sono né necessari né utili.

Pressioni sui potenziali rischi dell'aspartame

L'analisi di sicurezza dell'Agenzia rafforza prove storicamente controverse.

"L'Agenzia per la ricerca sul cancro non è un organismo che si occupa di sicurezza alimentare", ha dichiarato Frances Hunt-Wood, segretario generale dell'Associazione internazionale dei dolcificanti.

"L'aspartame è uno degli ingredienti più studiati della storia, con oltre 90 agenzie per la sicurezza alimentare in tutto il mondo che lo dichiarano sicuro, compresa l'Autorità europea per la sicurezza alimentare, che ha condotto la più completa valutazione sulla sicurezza dell'aspartame fino ad oggi".

L'organismo, i cui membri includono Mars Wrigley - il principale produttore mondiale di cioccolato, gomme da masticare, mentine e dolciumi alla frutta - e Coca-Cola, ha dichiarato di nutrire "serie preoccupazioni in merito alla revisione della Iarc, che potrebbe fuorviare i consumatori".

L'aspartame è stato approvato dalle autorità di regolamentazione di molti Paesi, tra cui gli Stati Uniti, l'Europa e il Canada, che hanno concluso che è sicuro per il consumo entro limiti di assunzione giornaliera accettabili.

Le indicazioni dell'OMS non cambiano

Le indicazioni sull'uso del dolcificante non cambiano, ha dichiarato Francesco Branca, direttore nutrizionale dell'Oms.

"Non stiamo consigliando ai consumatori di smettere del tutto di consumare (l'aspartame)", ha osservato, "stiamo solo consigliando un po' di moderazione".

Gli esperti delle Nazioni Unite hanno valutato la sicurezza dell'aspartame nel 1981 e hanno fissato il limite giornaliero di sicurezza leggermente più basso, a 40 milligrammi di aspartame per chilogrammo.

PUBBLICITÀ

È meglio consumare zucchero?

Gli esperti si sono affrettati a sottolineare che il collegamento aspartame-cancro non rende lo zucchero un'alternativa preferibile. Ad esempio, un consumo eccessivo di zucchero può contribuire all'obesità, che è un importante fattore di rischio per il cancro.

A maggio, le linee guida emanate dall'Organizzazione mondiale della sanità che sconsigliano l'uso di dolcificanti non zuccherini per il controllo del peso hanno destato preoccupazione tra i medici.

Tom Sanders, professore emerito di nutrizione e dietetica al King's College di Londra, ha dichiarato che le linee guida non tengono conto "della situazione reale", in particolare nel campo della dietologia.

"A volte si cerca di controllare il peso delle persone, cioè di ridurre l'apporto calorico, e allora può essere d'aiuto, anziché bere una bevanda molto zuccherata, passare a una bevanda a calorie ridotte o a zero calorie", ha spiegato a Euronews Next.

PUBBLICITÀ

Sanders ha sottolineato che "le sostanze con prove convincenti (ad esempio la carne lavorata) o probabili di cancro (ad esempio la carne rossa) dovrebbero essere evitate". Ma "non vale la pena di preoccuparsi" di quelle che rientrano nella "categoria del possibile perché le prove sono limitate".

A suo parere, "in genere è necessario intervenire solo quando le prove sono convincenti"..

Quasi tutte le sostanze possono essere pericolose in quantità eccessive, ha affermato David Klurfeld, esperto di nutrizione presso la School of Public Health dell'Indiana University di Bloomington.

"Anche nutrienti essenziali come la vitamina A, il ferro e l'acqua possono uccidere nel giro di poche ore se consumati in quantità eccessive", ha dichiarato Klurfeld, che in passato ha fatto parte di un gruppo di esperti Iarc.

PUBBLICITÀ

Quali prodotti europei contengono aspartame?

L'aspartame è stato ampiamente utilizzato a partire dagli anni '80 e il composto è presente in oltre 6.000 prodotti in tutto il mondo.

Nell'Unione europea e nel Regno Unito è possibile trovare l'aspartame elencato sulle etichette dei prodotti o, in alternativa, il suo numero: E-951.

Il dolcificante artificiale è circa 200 volte più dolce dello zucchero normale.

E grazie alla sua intensa dolcezza, ne basta una piccola quantità per ottenere il livello di dolcezza desiderato in alimenti e bevande. Il risultato è una riduzione delle calorie rispetto allo zucchero.

PUBBLICITÀ

Quindi, in quali prodotti è più probabile trovarlo utilizzato in Europa?

Dolcificanti da tavola

L'aspartame è più comunemente disponibile sotto forma di edulcoranti da tavola, come Canderel, Equal ed Hermesetas, abitualmente utilizzati come alternativa allo zucchero nelle bevande calde come caffè e tè.

Bevande analcoliche dietetiche

Molte bibite di marche famose offrono versioni dietetiche delle loro bevande, come Diet Coke, Coke Zero, Pepsi Max, Sprite Zero e Fanta Zero, che utilizzano tutte l'aspartame per fornire dolcezza senza le calorie aggiunte dello zucchero.

PUBBLICITÀ

Gomme da masticare, caramelle e mentine senza zucchero

Le gomme da masticare senza zucchero di marche come Extra, Orbit, Trident, Hollywood, Mentos, Freedent e Airwaves utilizzano l'aspartame come principale o come uno dei principali agenti dolcificanti.

Yogurt e dessert a basso contenuto calorico

Alcune marche di yogurt, come Yoplait e Müller Light, producono varietà a basso contenuto calorico che incorporano aspartame a scopo dolcificante.

PUBBLICITÀ

Allo stesso modo, anche alcuni dessert senza zucchero o a ridotto contenuto di zucchero, come mousse, budini e gelatina, possono contenere aspartame.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Infertilità: con l'IA è più veloce scoprirla negli uomini

Cinque oggetti comuni da evitare per ridurre l'esposizione ai Pfas

Ozempic e Wegovy sono legati a una patologia che potrebbe causare la cecità