EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Pirateria informatica: i Paesi europei come affrontano gli hacker-bambini?

Se gli hacker cominciano fin da bambini, i governi sperano che possano imparare a usare le loro capacità legalmente.
Se gli hacker cominciano fin da bambini, i governi sperano che possano imparare a usare le loro capacità legalmente. Diritti d'autore Canva
Diritti d'autore Canva
Di Nicholas Danton - Edizione italiana: Cristiano Tassinari
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

"Il crimine informatico non conosce fasce d'età", afferma Mike Jones, un ex hacker, "e sfortunatamente, essendo i bambini ingenui e vulnerabili, sono la maggior parte di coloro che si trasformano in criminali informatici". Ma cosa fare per evitare il peggio? Forse, offrire loro un lavoro...

PUBBLICITÀ

Le politiche messe in atto per affrontare i crescenti livelli di criminalità informatica variano da paese a paese. Alcune nazioni hanno sanzioni severe per l'hacking illegale, ma con così tanti hacker di età inferiore ai 30 anni, una vita dietro le sbarre è davvero la risposta ai crescenti livelli di criminalità informatica?

"Il crimine informatico non conosce fasce d'età", afferma Mike Jones, un ex hacker noto con l'alias H4UNT3D Hacker, "e sfortunatamente, essendo i bambini ingenui e vulnerabili, sono la maggior parte di coloro che si trasformano in criminali informatici".

Con molti stati nazionali a disagio nel mandare in prigione criminali spesso ingenui, molti Paesi si stanno ora rivolgendo la loro attenzione alla riabilitazione e alla prevenzione.
Le agenzie anti-crimine e le forze di polizia di tutta Europa stanno istituendo programmi per guidare i giovani hacker verso forme legali, e spesso ben pagate, di hacking.

Questi lavori possono aiutare i giovani adulti ad evitare una vita nel sistema penale e possono persino consentire loro di aiutare le stesse istituzioni che minacciavano di attività illegali.

In che modo diversi Paesi stanno affrontando il crimine informatico?

Il modello olandese

Dopo aver visto un numero crescente di giovani entrare nel sistema di giustizia penale a causa dell'hacking illegale, la polizia dei Paesi Bassi ha deciso che era giunto il momento di adottare un approccio diverso.

"La polizia olandese ha preso l'iniziativa di iniziare a trovare risposte con il contributo della squadra di prevenzione dei criminali informatici (COPS)", spiega Floor Jansen, Team Lead Cyber ​​Offender Prevention Squad della polizia olandese.

"All'interno di questa squadra lavoriamo insieme alle aziende private, al settore pubblico e agli insegnanti, per sensibilizzare questi ragazzi e informarli su ciò che è illegale e quali sono le conseguenze per se stessi e anche per le vittime", dice Floor Jansen.

“In questo modo sono quantomeno in grado di fare una scelta informata, se diventare un criminale o un hacker etico”.

Per coinvolgere i giovani, COPS ha istituito HACK_Right, un programma di riabilitazione per i primi hacker di età compresa tra 12 e 30 anni.

“Lo scopo del progetto è insegnare ai trasgressori esperti di tecnologia come utilizzare le proprie competenze IT in modo corretto. In questo modo cerchiamo di impedire loro di essere recidivi in futuro", afferma Jansen.

Riabilitando i giovani pirati informatici, invece di rinchiuderli, la polizia olandese è in grado di preservare le competenze di questi individui, che possono essere messe a frutto al servizio dell'economia, del governo o delle imprese locali e globali.

Finlandia: "Cybercrime Exit Project"

Da allora il modello olandese è stato replicato in Paesi come la Danimarca e la Finlandia.
In questo caso, la polizia finlandese ha introdotto nel 2020 il Cybercrime Exit Project. Destinata ai giovani di età compresa tra i 12 e i 25 anni, l'operazione mira a insegnare ai giovani la differenza tra attività di hacking legali e illegali e distoglierli da una vita di attività criminali.

Regno Unito: "Cyber ​​Choices"

Nel Regno Unito, la National Crime Agency (NCA) ha organizzato il suo primo "camp" del fine settimana per criminali informatici già nel 2017. Il corso, ospitato da Cyber ​​Security Challenge UK, ha presentato ai precedenti hacker i modi legali per utilizzare le proprie competenze, come lavorare nella sicurezza informatica.

PUBBLICITÀ

L'NCA ha anche istituito Cyber ​​Choices, un portale online per aiutare a educare genitori e familiari sui rischi del crimine informatico e su come guidare i bambini tecnicamente dotati per la strada giusta, assicurandosi al tempo stesso che siano consapevoli di ciò che accadrà se si impegnano in attività illegali.

L'hacking crea dipendenza?

Perché così tanti giovani hanno bisogno di riabilitazione?
L'ex hacker Mike Jones, che ora lavora per aiutare a sostenere i bambini coinvolti nell'hacking illegale, crede che sia perché gli hacker possono facilmente diventare dipendenti dal loro stesso "mestiere".

"L'hacking e la dipendenza vanno di pari passo", spiega. "Il motivo per cui lo dico è perché chiunque abbia una personalità che crea dipendenza può facilmente diventare dipendente da quella scarica di adrenalina, ed è esattamente ciò che fornisce l'hacking: quel biofeedback, quella scarica di vita!"

Lo studio del 2016 "Youth Pathways into Cybercrime", prodotto da Europol, ha suggerito l'esistenza di parallelismi tra l'hacking e la dipendenza da sostanze come droghe e alcol, a causa del rapido rilascio di dopamina che l'hacking induce.

PUBBLICITÀ

Rendere i lavori legali entusiasmanti quanto l'hacking è, quindi ,la sfida per le aziende che sperano di reclutare ex hacker, come spiega Erik van Oosbree.

"Sono un penetration tester a tempo pieno: il mio ruolo è principalmente fare test di penetrazione tecnica, applicazioni web, rete interna per grandi organizzazioni e governo", spiega van Oosbree.

“Quasi ogni settimana ho l'opportunità di passare a un'azienda diversa, provare sistemi diversi, in modo da soddisfare la mia curiosità, perché ora posso farlo legalmente, e penso che questa scelta professionale sia davvero una bella scelta da compiere".

Oltre ai test di penetrazione, gli ex giovani hacker possono anche prendere in considerazione posti di lavoro nella sicurezza informatica, nell'hacking etico e persino lavorare come informatori del governo, aiutando a catturare altri criminali informatici.

PUBBLICITÀ

I criminali informatici possono essere "riabilitati"?

Sebbene la riabilitazione sia spesso difficile, Floor Jansen ritiene che qualsiasi intervento e tentativo sia sempre preferibili al rinchiudere i giovani delinquenti le sbarre.

“I bambini si spingono sempre oltre i limiti, offline ma anche online", spiega Jansen. "Come forze dell'ordine dovremmo esserci fin dall'inizio, con interventi preventivi e non solo con l'arresto e l'inseguimento, perché troppo spesso è davvero una perdita di tempo, denaro e talento".

Mentre alcuni giovani hacker sanno benissimo che ciò che stanno facendo è illegale, per molti altri prevenire una vita criminale può essere semplic: sarebbe già importantissimo arrivare direttamente a loro, fornendo indicazioni sul confine tra attività legali e illegali.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Cina, sanzioni da Usa e Regno Unito contro hacker per attacchi a istituzioni e aziende

"Ero un hacker bambino": due adolescenti hacker condividono le loro storie

Pirateria informatica: perché gli Stati Uniti vogliono estradare gli hacker europei?