EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Le nitrosammine negli alimenti destano preoccupazioni per la salute

Farmaci e nitrosammine
Farmaci e nitrosammine Diritti d'autore Nitrosamines: What to know about the cancer-causing chemicals being found in our food and medicines
Diritti d'autore Nitrosamines: What to know about the cancer-causing chemicals being found in our food and medicines
Di Oceane Duboust
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

L'Europa sta indagando sui rischi di queste sostanze chimiche presenti nei prodotti alimentari e nei medicinali

PUBBLICITÀ

Le nitrosammine negli alimenti destano preoccupazioni per la salute. A lanciare l’allarme l'Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) all'inizio di quest'anno.

Le nitrosammine sono composti organici che esistono a bassi livelli nell'acqua e negli alimenti. Derivano da una reazione chimica tra nitriti o nitrati e alcune ammine e possono formarsi nei farmaci quando questi vengono prodotti o immagazzinati.

Queste sostanze chimiche possono essere cancerogene, nel senso che possono causare il cancro o possono danneggiare il DNA. Gli studi sugli animali hanno dimostrato che sono associati a un rischio più elevato di tumori al fegato. La presenza di almeno 10 di loro nel cibo quotidiano pone un problema, secondo l'ultima valutazione del rischio dell'EFSA.

Le nitrosammine sono state trovate in vari prodotti, come salumi, pesce lavorato, cacao, birra e altre bevande alcoliche. Il gruppo alimentare più importante che contribuisce all'esposizione alla nitrosamina è la carne e i prodotti a base di carne, ha affermato l'agenzia.

Le nitrosammine si possono trovare anche nelle verdure lavorate, nei cereali, nel latte e nei prodotti lattiero-caseari e negli alimenti fermentati, in salamoia o speziati.

Attualmente ci sono alcune lacune nelle conoscenze circa la presenza di nitrosammine in specifiche categorie di alimenti. Una dieta bilanciata con la più ampia varietà possibile di alimenti potrebbe aiutare i consumatori a ridurre l'assunzione di nitrosammine, ha affermato in una nota il dott. Dieter Schrenk, che presiede il gruppo di esperti scientifici dell'EFSA.

Molti rapporti rivelano che le nitrosammine si possono trovare anche in alcuni farmaci, il che potrebbe portare a una rivalutazione sull’autorizzazione di alcuni medicinali contaminati.

Il Pharmaceutical Journal, che per primo ha riportato la notizia, ha affermato che l'Agenzia europea per i medicinali ha trovato circa 20 prodotti farmaceutici che potrebbero contenere livelli eccessivi di nitrosammine.

Un portavoce dell'EMA ha dichiarato ad aprile al Pharmaceutical Journal che le autorità stavano "considerando attentamente" la necessità di intraprendere un'azione normativa per proteggere la salute pubblica, garantendo al contempo che i farmaci critici rimangano a disposizione dei pazienti.

Nel 2019, la ranitidina, un farmaco antiacido da banco venduto con il marchio Zantac, è stata ritirata dai mercati degli Stati Uniti e dell'Ue a causa della presenza di nitrosamina.

Anche le aziende che producono alcuni farmaci per regolare la pressione sanguigna chiamati sartani hanno dovuto rivedere i loro processi di produzione nel 2019 dopo un massiccio richiamo nel 2018 per la presenza di nitrosammine.

Risorse addizionali per questo articolo • AP

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Francia, via alle vaccinazioni per l'influenza aviaria: è il primo Paese in Europa

Quali Paesi europei hanno più medici e quali ne hanno di meno

Salute, Hans Kluge: "L'intelligenza artificiale è utile, ma va regolamentata"