OpenAI sostiene che il New York Times ha "hackerato" ChatGPT

Il logo OpenAI appare su un telefono cellulare davanti a una schermata che mostra parte del sito web dell'azienda.
Il logo OpenAI appare su un telefono cellulare davanti a una schermata che mostra parte del sito web dell'azienda. Diritti d'autore Peter Morgan/AP Photo
Diritti d'autore Peter Morgan/AP Photo
Di Lauren Chadwick
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

L'anno scorso il New York Times ha intentato una causa per violazione del copyright contro OpenAI, nel tentativo di porre fine alla pratica di utilizzare il suo materiale pubblicato per addestrare i chatbot.

PUBBLICITÀ

OpenAI, azienda produttrice di ChatGPT, ha affermato che il New York Times ha "pagato qualcuno per hackerare" i suoi prodotti e produrre prove per la causa di copyright intentata dal giornale.

L'affermazione proviene dagli avvocati dell'azienda, che hanno risposto alla causa del New York Times. Nel documento gli avvocati di OpenAI sostengono che le prove per la causa del giornale hanno richiesto "decine di migliaia di tentativi per essere generate" e che sono state ottenute "puntando e sfruttando un bug" che l'azienda sta risolvendo.

"Il NYT ha dovuto fornire allo strumento porzioni degli stessi articoli di cui si volevano ottenere i passaggi testuali, praticamente tutti già presenti su diversi siti web pubblici. Le persone normali non usano i prodotti di OpenAI in questo modo", affermano gli avvocati.

Il New York Times ha intentato una causa contro OpenAI e Microsoft chiedendo "miliardi di dollari di danni legali ed effettivi" per aver utilizzato i suoi articoli per la formazione nde chatbot nel dicembre 2023.

Gli strumenti di OpenAI generano "risultati che recitano alla lettera il contenuto del Times, lo riassumono fedelmente e ne imitano lo stile espressivo, come dimostrato da decine di esempi", si legge nella causa.

L'azienda aveva precedentemente dichiarato, in una prova scritta fornita alla Camera dei Lord del Regno Unito, che sarebbe stato "impossibile" addestrare gli strumenti di AI senza contenuti estratti da Internet.

Gli avvocati di OpenAI hanno anche aggiunto che ChatGPT non è un "sostituto di un abbonamento al New York Times".

"Nel mondo reale, le persone non usano ChatGPT o qualsiasi altro prodotto OpenAI per questo scopo". Gli articoli del Times, sostengono, erano una "minima parte dei dati utilizzati per addestrare i chatbot".

A loro avviso, l'uso di materiale sotto copyright per l'addestramento è protetto dal fair use, una dottrina legale statunitense che consente alcuni usi non autorizzati di opere protette da copyright.

Nel mondo reale, le persone non usano ChatGPT o qualsiasi altro prodotto OpenAI per questo scopo.
Avvocati OpenAI

Di recente, alcuni esperti hanno dichiarato a Euronews Next che le cause intentate contro le aziende di IA per l'utilizzo di contenuti protetti da copyright per l'addestramento saranno probabilmente determinate caso per caso , in base alla somiglianza con l'opera originale.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il nuovo patto Ue per la migrazione "inaugurerà un'era mortale di sorveglianza digitale"

Forse una svolta per Assange: Biden apre alla possibilità di far cadere le accuse

Cos'è il passaporto digitale dei prodotti dell'Ue?