This content is not available in your region

L'IA può tracciare la salute delle barriere coralline attraverso il loro "canto"

Access to the comments Commenti
Di Nicole Chang
Un idrofono che registra i suoni di una barriera corallina a Sulawesi, in Indonesia
Un idrofono che registra i suoni di una barriera corallina a Sulawesi, in Indonesia   -   Diritti d'autore  Copyright Tim Lamont, University of Exeter

Alcuni scienziati del Regno Unito hanno sviluppato un sistema di intelligenza artificiale (Ai) in grado di monitorare lo stato di salute delle barriere coralline grazie al potere del "canto".

I paesaggi sonori delle barriere coralline sono complessi e diversificati, con pesci e altre creature che contribuiscono a un'ampia varietà di rumori che possono servire a monitorare lo stato di salute di una particolare barriera.

Tuttavia, il processo di analisi di questi paesaggi può spesso essere laborioso, oltreché richiedere molto tempo, ed è qui che l'intelligenza artificiale può fare la differenza.

Nell'ambito di un nuovo studio, i ricercatori dell'Università di Exeter hanno esposto un algoritmo informatico a registrazioni di barriere coralline sia sane che degradate, addestrando la macchina a distinguerle.

Il sistema ha poi analizzato nuove registrazioni ed è riuscito a identificare correttamente la salute della barriera corallina nel 92% dei casi

"Non si direbbe, ma le barriere coralline sono in realtà 'luoghi molto rumorosi'", ha dichiarato a Euronews Next Ben Williams, autore principale dello studio.

In una barriera corallina rigogliosa, si possono sentire gamberetti che suonano come "il crepitio di un falò in sottofondo". 

Ci sono tutti questi tipi di rumori provenienti dai diversi pesci, che possono essere come fischi, grugniti e colpi, tutti tipi di cose che non ti aspetteresti.
Ben Williams
autore principale dello studio, Università di Exeter

"E poi, a intermittenza, ci sono tutti questi tipi di rumori da parte dei diversi pesci, che possono essere come fischi, grugniti e colpi, tutti tipi di cose che non ci si aspetterebbe di sentire da un pesce".

Tuttavia, in una barriera corallina degradata, il paesaggio sonoro può essere "molto più desolato", ha detto Williams.

La "complessità aggiunta" dei suoni dei pesci - che comunicano, si nutrono, si difendono e così via - è spesso assente.

Usare l'intelligenza artificiale per salvare le barriere coralline

Tracciare la salute di una barriera corallina attraverso i suoi paesaggi sonori è un modo semplice per conoscere lo stato del suo habitat, senza dover ricorrere a metodi visivi, che richiederebbero l'invio di sommozzatori esperti.

"Possiamo semplicemente gettare un idrofono nell'acqua, lasciarlo per settimane o mesi e ottenere un insieme di dati a lungo termine davvero facile da raccogliere", ha detto Williams.

Analizzare tutti questi dati è un'altra questione.

"Dobbiamo ascoltarli e contare le registrazioni dei pesci che sentiamo, il che richiede molto tempo ed è davvero complicato", ha detto Williams. Ma anche in questo caso l'intelligenza artificiale può aiutare ad automatizzare il processo, consentendo di analizzare le registrazioni molto più velocemente e con maggiore precisione, ha spiegato.

"Quindi è una doppia vittoria in questo senso".

Questa tecnologia potrebbe auspicabilmente contribuire alla lotta per la conservazione delle rimanenti barriere coralline del mondo, che sono indicatori vitali dei cambiamenti ambientali e sono anche particolarmente vulnerabili a tali cambiamenti.

Secondo il Programma delle Nazioni Unite per l'Ambiente (Unep), circa il 25-50% delle barriere coralline del mondo è stato distrutto e un altro 60% è in pericolo.

Le barriere coralline sono fonti vitali di cibo e reddito e proteggono anche le coste delle nazioni insulari a bassa quota.

Secondo l'Unep, circa 850 milioni di persone vivono nel raggio di 100 km da una barriera corallina e traggono un qualche beneficio economico dai loro servizi ecosistemici.

Le registrazioni utilizzate nello studio dell'Università di Exeter sono state effettuate presso il Mars Coral Reef Restoration Project, che ripristina le barriere coralline fortemente danneggiate in Indonesia.

In futuro, Williams afferma che il lavoro del team potrebbe essere esteso a siti in tutto il mondo per aiutare altri progetti di ripristino.

"Vogliamo inviare i registratori in tutto il mondo: Alle Maldive, alla Grande barriera corallina, in Messico, in un sacco di siti diversi dove abbiamo partner che possono raccogliere dati simili".