Kiev polemica con Berlino: "Le armi tedesche arrivano a dorso di lumaca"

Access to the comments Commenti
Di Euronews
La foto che accompagna il tweet con cui l'ambasciatore ucraino in Germania polemizza sui ritardi nella consegna delle forniture da Berlino: "Le armi tedesche sono in arrivo"
La foto che accompagna il tweet con cui l'ambasciatore ucraino in Germania polemizza sui ritardi nella consegna delle forniture da Berlino: "Le armi tedesche sono in arrivo"   -   Diritti d'autore  Twitter/@MelnykAndrij

La Germania fa il muso duro a Putin, ma l'Ucraina la incalza ad andare oltre le parole e accelare nei fatti. In scena al forum economico di Davos, in Svizzera, promesse di Berlino e insofferenza di Kiev alle lentezze tedesche nelle forniture d'armi per respingere l'invasione russa.

Il cancelliere tedesco Scholz: "Non sarà Putin a dettarci le condizioni della pace"

"È per questo che sosteniamo l'Ucraina - ha detto il cancelliere tedesco tedesco Olaf Scholz -. Si tratta di un supporto strettamente coordinato con i nostri partner e alleati. E siamo d'accordo anche su un punto fondamentale: non stiamo facendo nulla che coinvolgerebbe la NATO nel conflitto. Ciò significherebbe un confronto diretto tra potenze nucleari. Si tratta piuttosto di chiarire a Putin che non sarà lui a dettarci le condizioni per la pace. L'Ucraina non lo accetterà e noi neanche".

Kiev chiama Berlino per le armi: "Non si tratta di difendere solo il nostro Paese, ma ciascuno di voi"

Quanto l'Ucraina non accetta sono però anche i ritardi di Berlino nella consegna di blindati e carri armati che aveva promesso a Kiev. Di "incomprensione" ha parlato il Ministro degli esteri Kuleba: "Rispetto le dinamiche interne al governo tedesco - ha detto -, ma non capisco perché sia così complicato". Appello invece del sindaco di Kiev, Vitaly Klitschko: "Nell'interesse di tutti, servono decisioni veloci - ha detto -. Qui non si tratta di difendere solo il nostro paese e le nostre famiglie. Ma di difendere ciascuno di voi". Su Su Twitter, poi, la derisione dell'ambasciatore ucraino a Berlino: un proiettile a dorso di lumaca e il testo "le armi tedesche sono in arrivo".

Il tweet con cui l'ambasciatore ucraino in Germania polemizza sui ritardi tedeschi. Un proiettile sul dorso di una lumaca e l'annuncio: "Le armi tedesche sono in arrivo"

"Insensato negoziare con Putin. Le sue scelte dimostrano che non è ragionevole"

"Con Putin non ha senso parlare - ha poi aggiunto ai microfoni di Euronews - perché le sue scelte dimostrano che non è una persona sensata. Insensato voler scatenare una guerra nel mondo di oggi, così come è insensato voler ricostruire l'impero sovietico". 80 invece i milioni di euro che il sindaco di Kiev stima sarebbero necessari, solo per ricostruire la sua città.