EventsEventiPodcast
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Trasformare i suoni in immagini? Si può, la tecnologia a supporto dei non vedenti

In collaborazione con The European Commission
Trasformare i suoni in immagini? Si può, la tecnologia a supporto dei non vedenti
Diritti d'autore 
Di Simona Zecchi
Condividi questo articolo
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Sviluppare un dispositivo è una cosa, trasformarlo in un sistema che può essere commercializzato è un'altra. Quali sono le condizioni per far arrivare sul mercato il navigatore realizzato nell'ambito progetto dell'UE, "Sound of vision"?

Claudio Rosmino è stato in Romania per mostrarci i benefici e gli obiettivi di un nuovo dispositivo dedicato ai non vedenti, per ora solo un prototipo, realizzato all'interno del progetto dell'Unione europea, "The Sound of Vision". Ma sviluppare un dispositivo è una cosa, trasformarlo in un sistema che può essere commercializzato è un'altra.

All'interno del reportage potrete sentire con le vostre orecchie le testimonianze di chi ha provato già questo strumento.

Il nostro inviato Claudio Rosmino ha chiesto ad Arthur Molar, ricercatore senior di Infoworld, che ci ha spiegato quali sono i principali requisiti di sicurezza che devono essere rispettati.

"Ci siamo incaricati di far sì che il dispositivo rispetti i requisiti legali e di sicurezza imposti dall'Unione Europea", ha detto Molar e ha aggiunto: "Abbiamo perfezionato il software in modo tale che si possa comunicare via remoto. Possiamo chiedere al dispositivo se si presentano problemi di hardware o software anche prima che l'utente stesso lo chieda".

Ma, cosa importante, è - come lo stesso Molar ci ha spiegato - che il dispositivo deve avere dimensioni limitate. E' molto importante infatti che gli utenti non si sentano fuori posto o che le persone non li considerino come diversi perché indossano qualcosa fuori dal comune.

Su Euronews e euronews.com l'intero reportage compiuto da Rosmino. Un viaggio nelle possibilità che la tecnologia può riservare al genere umano.

Condividi questo articolo