EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Spagna e Portogallo uniscono le forze per contrastare incendi e alluvioni

In collaborazione con The European Commission
Spagna e Portogallo uniscono le forze per contrastare incendi e alluvioni
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Cristina Giner
Pubblicato il
Condividi questo articolo
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il progetto europeo Ariem+ ha messo a disposizione dei due Paesi circa 4 milioni di euro per formazione e acquisto di nuove attrezzature

La frequenza e l'intensità dei disastri naturali causati dal cambiamento climatico sono in aumento in tutta l'Unione europea. Negli ultimi cinque anni gli incendi in Spagna e Portogallo hanno devastato un'area di quasi un milione di ettari. I due Paesi hanno unito le forze per contrastare questo fenomeno. Nel 2022 un incendio ha devastato una vasta area transfrontaliera tra Spagna e Portogallo.

"Mi fa tornare in mente brutti ricordi, perché qui abbiamo vissuto momenti difficili - dice Modesto García Gomara, un vigile del fuoco di El Maíllo, piccolo comune toccato dall'incendio -. L'intero villaggio ha cercato di combattere questo incendio. Oggi un incendio è una catastrofe. Stanno diventando molto più virulenti. Non ci sono abbastanza risorse a Salamanca, abbiamo bisogno di risorse dall'estero".

Questo è l'obiettivo del progetto europeo Ariem+, gestito da un Centro di emergenza in Galizia. Questa regione spagnola, insieme a Castiglia e León e al Nord del Portogallo, ha creato un piano di emergenza per prevenire e rispondere a gravi disastri come inondazioni, tempeste e incendi. Le persone che beneficeranno del progetto sono 600mila.

"Consiste nel coordinare, pianificare, analizzare i rischi, sensibilizzare la popolazione, fare formazione e simulazioni, sia per la popolazione che per i servizi operativi, e verificare le esigenze pratiche per far fronte ai rischi", dice Marcos Araujo, direttore generale del Servizio di Emergenza della Galizia.

Di recente le unità di emergenza hanno partecipato a un'esercitazione che ha simulato l'incendio del 2022. Un'occasione per testare il coordinamento congiunto. Una comunicazione efficace è fondamentale: le squadre che arrivano dall'estero devono integrarsi rapidamente con le unità locali seguendo il protocollo di cooperazione.

La struttura di comando creata nell'ambito del progetto coordina la situazione di rischio. La regione in cui si verifica il disastro guida l'operazione. "Le esercitazioni sono importanti perché mettiamo in pratica le nostre procedure di lavoro - dice Francisco Bolaños, responsabile del Dipartimento incendi selvaggi di Castiglia e León -. Verifichiamo quali aspetti possono essere migliorati. Le unità che si uniscono a noi nell'esercitazione, esterne al nostro team, imparano a conoscere le nostre procedure di lavoro e come le integreremo in un caso reale".

Il budget di Ariem+ è di circa 4 milioni di euro. Il 75% è stato finanziato dal Fondo di coesione dell'Unione europea, il resto dalle Regioni di Galizia, Castiglia e León e Nord del Portogallo. Una maggiore coordinazione, formazione e nuove attrezzature consentiranno a Spagna e Portogallo di unire le forze in caso di emergenza.

Condividi questo articolo

Notizie correlate

Portogallo, si ribalta peschereccio nell'Atlantico: tre morti, si cercano i dispersi