EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Italia: maxirissa a Montecitorio, attacchi al verbale della Camera che li definisce "disordini"

Maxi rissa a Montecitorio
Maxi rissa a Montecitorio Diritti d'autore EBU
Diritti d'autore EBU
Di Isidoro Patalano
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

I deputati della Repubblica hanno attaccato il verbale della Camera che parla di "disordini" avvenuti in aula durante i quali il pentastellato Leonardo Donno sarebbe stato colpito dal leghista Igor Iezzi. Immagini mostrano la maxirissa avvenuta durante la discussione sull'autonomia differenziata

PUBBLICITÀ

Sono scattate le sanzioni per i deputati coinvolti nella rissa di mercoledì alla Camera. Per il leghista Igor Iezzi è stato disposto il massimo della sanzione, cioè 15 giorni di sospensione. Sette invece i giorni di sospensione per Federico Mollicone (FdI), Gimmi Cangiano (FdI) e Vincenzo Amich (Fdl), per il leghista Domenico Furgiuele e per il deputato del Pd Nicola Stumpo.

Per Leonardo Donno (M5s) invece quattro i giorni di sospensione.

Saranno sospesi per tre giorni anche Vincenzo Amendola (Pd) e Stefano Candiani (Lega). Due giorni di sospensione per Arturo Scotto e Claudio Stefanazzi del Pd.

Le dinamiche della maxirissa alla Camera dei deputati

Tensione altissima in Parlamento durante la seduta di mercoledì che prevedeva una discussione sull'autonomia differenziata, fiore all'occhiello della maggioranza di governo insieme alla riforma sul premierato.

Durante la sessione, il deputato del Movimento 5 Stelle, Leonardo Donno, ha provato a consegnare un tricolore italiano al ministro degli Affari regionali e le Autonomie, Roberto Calderoli.

Il gesto è stato subito contrastato da un gruppo di parlamentari provenienti dai banchi della maggioranza che hanno accerchiato il politico pentastellato, il quale sarebbe stato sfiorato da alcuni pugni sferrati dal deputato della Lega Iezzi.

Dono accusa Iezzi, il legista tenta una smentita

Condanna dal leader del Movimento 5 Stelle, Giuseppe Conte, che ha accusato la maggioranza di Giorgia Meloni per quella che ha definito "una delle pagine più brutte della storia del Parlamento".

"Giù le mani da noi, giù le mani dal nostro tricolore", ha detto Conte in un messaggio su X.

Dopo l'evento il deputato pugliese Donno ha spiegato la dinamica della rissa: "Ho preso un pugno che mi ha sfiorato la faccia dal deputato Iezzi, altri ci hanno provato come Mollicone, Amich, Cangiano. Poi sono arrivati tanti altri, i commessi. Io sono crollato, sentivo male al petto e facevo fatica a respirare".

Dal canto suo il leghista Iezzi tenta una smentita: "Ho provato a dare cazzotti, ma non l'ho colpito. Donno ha tentato di aggredire Calderoli e ho reagito. Io mi allontano e lui dopo cade. Andrebbe condannata la sua sceneggiata".

Sospesi i lavori parlamentari

Il lavori a Montecitorio sono ripresi giovedì dopo essere stati sospesi a seguito della rissa. I membri dell'opposizione hanno fatto sentire la propria voce con degli interventi al vetriolo contro il verbale della Camera che ha descritto gli eventi accaduti come "disordini".

Ma la proposta di correggere il verbale con una dicitura alternativa è stata bocciata con 42 voti di scarto.

Intanto anche a Palazzo Madama i lavori sono stati sospesi dopo che i senatori dell'opposizione hanno messo in atto una protesta in supporto al deputato Leonardo Donno.

In aula era in corso la discussione sul premierato. Alcuni senatori di minoranza hanno provato a consegnare la bandiera italiana alla ministra delle Riforme, Maria Elisabetta Casellati, mentre i senatori di maggioranza intonavano l'inno di Mameli.

"Non è pensabile che non si  accetti un tricolore", ha detto il capogruppo del Movimento 5 Stelle, Stefano Patuanelli, sventolando un cartello con la bandiera d'Italia.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Europei di Atletica: a Roma è Italia da record, 24 le medaglie degli Azzurri, 11 gli ori

Germania, Italia, Regno Unito: quali sono i Paesi europei che hanno speso di più per il turismo nel 2023?

Elezioni europee, record storico: meno del 50% degli italiani si è recato alle urne.