EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Secondo un nuovo studio, i bambini devono affidarsi all'"istinto" per proteggersi da pericoli online

Tre bambini guardano uno smartphone
Tre bambini guardano uno smartphone Diritti d'autore John Hart/Wisconsin State Journal
Diritti d'autore John Hart/Wisconsin State Journal
Di Mared Gwyn Jones
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Un nuovo studio rivela che i bambini spesso si affidano al proprio istinto quando si trovano di fronte a minacce alla loro sicurezza online, come contenuti espliciti o adescamento online.

PUBBLICITÀ

I risultati rivelano una scomoda verità su come i bambini siano lasciati ai loro dispositivi quando navigano nel mondo digitale, aumentando la loro vulnerabilità.

Condotto dalle organizzazioni non governative ECPAT International, Eurochild e Terre des Hommes Netherlands, lo studio ha coinvolto 483 bambini di 15 Paesi, tra cui dieci Stati membri dell'UE, in discussioni di gruppo.

Molti di questi bambini hanno dichiarato di preferire tenere per sé le proprie attività online e di avere difficoltà a parlare con gli adulti dei rischi che corrono in rete. Altri hanno detto di filtrare ciò che dicono ai genitori e a chi si occupa di loro sui pericoli che incontrano.

Questi pericoli includono il cyberbullismo, i contenuti violenti o le esperienze negative per la salute mentale. Ma in tutti i 15 Paesi studiati, l'abuso e lo sfruttamento sessuale online - come l'adescamento, il materiale sessuale autogenerato dall'Ia e l'abuso sessuale su minori in live-streaming - costituiscono la più grande minaccia singola per i minori.

"Vediamo che i bambini si sentono molto soli di fronte all'abuso e allo sfruttamento sessuale dei minori. E naturalmente si tratta di una responsabilità enorme", ha dichiarato Eva Notté, consulente tecnico per lo sfruttamento minorile di Terre des Hommes Olanda.

"Ma vediamo che attraverso il loro stesso comportamento cercano di autocensurare ciò che fanno. Cercano di fare attenzione ai rischi, ma in realtà non hanno gli strumenti e le informazioni necessarie per navigare efficacemente nel mondo online", ha aggiunto.

Il rapporto giunge in un momento di stallo delle istituzioni europee su una nuova legge che mira a reprimere lo sfruttamento dei minori online utilizzando le tecnologie emergenti per individuare il materiale pedopornografico (CSAM) nuovo ed esistente e le attività di adescamento dei minori.

La legge ha incontrato una forte opposizione da parte dei sostenitori della privacy digitale, sostengono che consentire alle piattaforme di spiare i contenuti sarebbe una grave violazione del diritto alla privacy online.

Secondo le ONG, però, lo studio evidenzia l'urgente necessità per i Paesi dell'UE di trovare un compromesso, in modo da creare dei paletti legali per rendere Internet più sicuro per i bambini.

"C'è un forte bisogno di quadri normativi che pongano la responsabilità e l'onere non sui bambini, ma sui fornitori di servizi online", ha spiegato Fabiola Bas Palomares, responsabile delle politiche e dell'advocacy di Eurochild, "Dobbiamo lavorare insieme per garantire che i bambini siano protetti dagli abusi sessuali online".

L'iniziativa arriva anche nel contesto di una crescente preoccupazione per l'uso dell'intelligenza artificiale per generare materiale pedopornografico falso.

Secondo il Centro comune di ricerca dell'UE, gran parte di questi contenuti abusivi sono generati dagli stessi adolescenti, il che dimostra come anche i bambini debbano essere educati sui pericoli della diffusione e della creazione di contenuti abusivi.

Il ruolo delle piattaforme è fondamentale

In occasione della presentazione dei risultati dello studio, avvenuta lunedì a Bruxelles, le ONG hanno invitato le piattaforme digitali a svolgere il proprio ruolo nella lotta ai contenuti illegali che mettono a rischio la sicurezza dei bambini.

Parlando con Euronews, Tomas Hartman, senior public policy manager di Snap Inc. ha dichiarato che l'azienda e la sua app Snapchat - che conta circa 102 milioni di utenti registrati nell'UE - sono pronte a svolgere il loro ruolo nella repressione dello sfruttamento sessuale dei bambini online.

"Siamo consapevoli del fatto che la nostra applicazione è utilizzata da molti giovani, ed è per questo che la sicurezza e la privacy dei nostri utenti sono la nostra priorità principale, soprattutto per i minori", ha dichiarato Hartman, elencando diverse misure di salvaguardia introdotte da Snapchat per salvaguardare gli utenti adolescenti, come la limitazione delle impostazioni di contatto agli amici e ai contatti telefonici e la disattivazione della condivisione della posizione per impostazione predefinita.

Hartman ha anche affermato che la prevista legge dell'UE per affrontare il materiale pedopornografico (CSAM) è "assolutamente cruciale" per Snapchat.

"È importante per noi essere in grado di analizzare in modo proattivo il materiale CSAM conosciuto. E per farlo disponiamo di tecnologie affidabili: utilizziamo il DNA delle immagini", ha spiegato. "Questa è la nostra massima priorità".

L'applicazione Snapchat, utilizzata prevalentemente da giovani utenti per condividere immagini che scompaiono dopo essere state viste, ha un'età minima di 13 anni e impostazioni aggiuntive per la privacy degli utenti di età compresa tra 13 e 17 anni. L'applicazione è stata oggetto di critiche per non essere riuscita a tenere lontani dalla sua piattaforma gli utenti minorenni.

PUBBLICITÀ

Lo scorso novembre Snapchat, insieme a Meta, ha ricevuto una richiesta di informazioni dalla Commissione europea sulle misure che sta adottando per "rispettare gli obblighi relativi alla protezione dei minori".

Una delle preoccupazioni riguarda il chatbot "My AI" a disposizione degli utenti di Snapchat, alimentato da ChatGPT di Microsoft. Sul suo sito web, Snapchat riconosce che il chatbot "può includere contenuti parziali, errati, dannosi o fuorvianti".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ue, stretta contro gli abusi sessuali, anche online

Parigi: installata la croce sul tetto di Notre Dame

Georgia: proteste contro la 'legge russa', duecento arresti