Il destino dell'Europa è intrecciato a quello dell'Ucraina, dice la leader dei liberali dell'Ue

Presidente di Renew Europe, Valerie Hayer
Presidente di Renew Europe, Valerie Hayer Diritti d'autore Jean-Francois Badias/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Jean-Francois Badias/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Di Shona MurrayMared Gwyn Jones
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

La leader dei liberali dell'Ue Valérie Hayer ha ribadito il sostegno incondizionato del suo partito centrista all'Ucraina durante una visita di due giorni nel Paese devastato dalla guerra, mentre la sicurezza è al centro della campagna per le elezioni europee di giugno

PUBBLICITÀ

Valérie Hayer, che guida il gruppo Renew Europe ed è stata scelta come uno dei tre candidati principali del raggruppamento liberale alle elezioni europee di giugno, ha ribadito il sostegno incondizionato del suo partito all'Ucraina durante una visita di due giorni nel Paese devastato dalla guerra.

A Euronews ha dichiarato di voler "andare sul campo" per comprendere meglio la realtà "politica" e "militare" in Ucraina. "Dobbiamo spiegare ai cittadini europei che questa guerra in Ucraina ha un impatto enorme su di noi e che la sicurezza del popolo ucraino è la nostra sicurezza", ha detto mercoledì Hayer: "I nostri destini sono intrecciati".

La visita è avvenuta tra i timori che il presidente russo Vladimir Putin possa intensificare gli attacchi all'Ucraina dopo aver tentato di coinvolgere Kiev nell'attacco terroristico di venerdì scorso a una sala da concerto di Mosca in cui hanno perso la vita almeno 143 persone.

Fonti militari ucraine affermano che la Russia ha sparato almeno 26 missili balistici contro Kyiv nell'ultima settimana, colpendo infrastrutture civili.

Con l'incertezza sul futuro del sostegno degli Stati Uniti dopo le elezioni presidenziali di novembre e con le scorte di munizioni che si stanno esaurendo rapidamente, Kiev fasempre più affidamento sugli alleati europei per rifornire le proprie scorte.

"Il più grande timore per la sicurezza è il crescente divario nella potenza di fuoco tra la nostra e la loro artiglieria", ha dichiarato a Euronews il vice ministro della Difesa ucraino, Yuriy Dzhygyr. "Abbiamo il sostegno, sentiamo il sostegno, capiamo che ci sono problemi tecnici con il rifornimento delle scorte, ma sentiamo la vostra solidarietà e la apprezziamo molto".

Ucraina e capacità di difesa al centro della campagna elettorale europea

Ciò significa che i partiti politici hanno fatto del sostegno all'Ucraina - e del rafforzamento delle capacità difensive dell'Europa - un punto centrale delle loro piattaforme elettorali.

Un documento di posizione sulla difesa europea presentato mercoledì dal gruppo Renew auspica un "drastico rafforzamento" dell'approvvigionamento comune europeo di armi e un aumento della spesa per la difesa sia a livello europeo che nazionale.

Le battute d'arresto sul campo di battaglia ucraino nelle ultime settimane hanno instillato un senso di urgenza tra i leader dell'Ue, che stanno rompendo con le posizioni precedenti per aumentare il flusso di aiuti militari e finanziari ai loro vicini colpiti dalla guerra.

Il blocco sta procedendo rapidamente a utilizzare i profitti dei beni russi congelati nell'Ue per acquistare più armi e sta persino aprendo un dialogo difficile sulla prospettiva divisiva di aumentare il debito comune dell'Ue per finanziare le esigenze di difesa.

Parlando dall'Ucraina, Hayer ha detto che è giunto il momento di fare un "balzo in avanti nella difesa europea": "Una vera Unione europea della difesa farà risparmiare denaro eliminando i doppioni e gli sprechi, ma per farlo dobbiamo investire ora e investire nella base industriale", ha detto.

Secondo un sondaggio esclusivo di Ipsos, il gruppo Renew è sulla buona strada per mantenere la sua posizione di terza fazione del Parlamento europeo. Hayer è una dei candidati principali di Renew al Parlamento europeo e guida anche la lista del partito Renaissance di Emmanuel Macron in Francia.

Le proiezioni più recenti del nostro sondaggio danno Renew a 87 seggi e il partito di estrema destra Identità e democrazia (Id) al quarto posto con 80 seggi.

Il salto di 31 seggi previsto per Id è favorito dal successo del Rassemblement National francese e del suo candidato principale, il 28enne Jordan Bardella, che competerà con Hayer per il voto francese e che ha rotto i stretti legami del suo partito con la Russia adottando una linea dura nei confronti di Mosca.

Una spinta per l'adesione di Kiev all'Ue

Hayer ha anche promesso di far avanzare l'Ucraina sulla strada dell'adesione all'Unione, proponendo lo status di osservatore per i legislatori ucraini al Parlamento europeo "il prima possibile".

Il processo di adesione al blocco è notoriamente lungo e, nonostante i 27 leader abbiano dato il via libera all'apertura di colloqui formali con l'Ucraina lo scorso dicembre, la strada verso la piena adesione è lunga.

Ciò ha spinto il blocco a ipotizzare modalità di integrazione graduale, tra cui quella di riunire i politici dei Paesi candidati attorno al tavolo decisionale ancor prima che il processo di adesione sia completato.

"Vogliamo che i politici ucraini siano presenti al Parlamento europeo come osservatori il prima possibile, ma non dobbiamo aspettare che venga concesso lo status di osservatore ufficiale per iniziare seriamente a lavorare insieme", ha detto Hayer.

PUBBLICITÀ

"Come segno di sostegno, per mostrare visibilità e come strumento di deterrenza contro l'aggressore russo, i politici ucraini saranno invitati regolarmente nelgruppo Renew Europeal Parlamento europeo e alle nostre riunioni pre-vertice con i leader europei", ha aggiunto.

Questi vertici riuniscono capi di Stato e di governo dell'Ue centristi, tra cui il presidente francese Emmanuel Macron e la prima ministra estone Kaja Kallas.

Il partito ucraino Servitore del popolo, a cui appartiene il presidente Volodymyr Zelensky, ha ottenuto l'adesione al partito Alleanza dei democratici e dei liberali per l'Europa (Alde) - una delle tre fazioni politiche che formano il gruppo Renew Europe - poco dopo l'invasione dell'Ucraina da parte della Russia.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ucraina, il rimpasto di Zelensky: salta il capo del Consiglio di Sicurezza

Ucraina, la guerra alle porte dell'Europa: l'incognita Putin apre al ritorno della leva

Ucraina senza munizioni: Kiev stanzia 1,4 miliardi di dollari per l'industria bellica locale