La Sinistra europea fissa gli obiettivi per le elezioni di giugno

Walter Baier
Walter Baier Diritti d'autore @europeanleft
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in spagnolo

L'incontro nella capitale slovena Lubiana è servito alla Sinistra europea anche per eleggere il suo candidato principale alla presidenza della Commissione europea, il quasi sconosciuto Walter Baier

PUBBLICITÀ

Il Partito della Sinistra europea si è riunito in Slovenia questo fine settimana in vista delle elezioni europee. Una lotta sostenibile per la classe operaia contro il cambiamento climatico e una direttiva europea per limitare i prezzi degli affitti sono tra le proposte elettorali che il Partito della Sinistra europea ha adottato durante l'assemblea di Lubiana.

L'incontro nella capitale slovena è servito anche per eleggere il candidato principale alla presidenza della Commissione europea, il quasi sconosciuto Walter Baier. Il settantenne austriaco vuole cercare di arginare l'ascesa dell'estrema destra. "Penso che il principale ambito di confronto con l'estrema destra sia la politica sociale. L'estrema destra sta capitalizzando sulla paura. E le persone hanno paura, molte persone hanno paura del futuro e la politica consolidata non lo affronta".

Credo che il principale terreno di confronto con l'estrema destra sia la politica sociale
Walter Baier
Candidato della Sinistra europea alla presidenza della Commissione europea

Le possibilità di Baier sono basse e non sarà presente in nessuna lista nazionale, quindi non sarà un europarlamentare. Fa parte dell'iniziativa nata in Germania con il nome di SpitzenKandidat. L'idea è che i capi delle liste dei vari partiti politici che concorrono alle elezioni europee siano i candidati alla presidenza della Commissione europea. La riunione della sinistra a Lubiana è stata tenuta, a differenza degli altri partiti europei, in gran parte a porte chiuse. Questo è servito anche a confermare la divisione tra le diverse formazioni del suo spettro politico.

Frammentazione e scissioni come segno distintivo della sinistra

La sinistra si presenterà frammentata alle elezioni europee del prossimo giugno con due piattaforme diverse, ma con molte analogie. Sinistra europea, che è l'unica costituita come partito, e Adesso il Popolo, di cui fanno parte La France insoumise o, in Spagna, Podemos. Inoltre, negli ultimi mesi si sono verificate diverse scissioni che potrebbero ridurre ulteriormente il numero di seggi del suo gruppo parlamentare. È il caso della coalizione spagnola Sumar, che potrebbe allearsi con i Verdi.

Sira Rego, ministro spagnolo della Gioventù e dell'Infanzia nel governo guidato da Pedro Sánchez, ha dichiarato che "Dovremo vedere il risultato, ma senza un risultato chiaro non possiamo anticipare il dibattito. Logicamente ci deve essere una volontà da parte dei gruppi nelle delegazioni, dei gruppi politici che si presentano alle elezioni, di unirsi alla Sinistra europea".

In Germania, una scissione dal partito La Sinistraa gennaio, con il nome di Alleanza Sahra Wagenknecht, detto anche Ragione e Giustizia, potrebbe mettere in minoranza il partito madre. La nuova formazione unisce la tradizionale politica di sinistra con un approccio controllato all'immigrazione e la volontà di sottrarre argomenti all'estrema destra.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Polonia, la Sinistra presenta una proposta di riforma sul diritto all'aborto

Tsipras si dimette da segreatario del partito di sinistra greco Syriza

State of the Union: Decisioni su clima, trasparenza e migrazione