EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Un target climatico in più e una legge sui pesticidi in meno nella settimana europea

La Commissione europea ha annunciato il ritiro del regolamento sull'uso dei pesticidi
La Commissione europea ha annunciato il ritiro del regolamento sull'uso dei pesticidi Diritti d'autore MICHAEL PROBST/2007 AP
Diritti d'autore MICHAEL PROBST/2007 AP
Di Isabel Marques da Silva
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Questa settimana la Commissione europea ha annunciato l'obiettivo di riduzione delle emissioni di gas climalteranti entro il 2040 e ritirato una legge per dimezzare i pesticidi nell'Ue

PUBBLICITÀ

Il target proposto è -90%, come ha spiegato Wopke Hoekstra, Commissario europeo per il Clima. I provvedimenti legislativi per raggiungere l'obiettivo saranno attuati però dalla prossima Commissione, che si formerà dopo le elezioni europee di giugno, ha spiegato il commissario.

La raccomandazione è in linea con i consigli dello European Scientific Advisory Board on Climate Change, l'organismo europeo preposto all'analisi del cambiamento climatico. Fissare un obiettivo chiaro di riduzione per il 2040 aiuterà industria, investitori, governi e cittadini europei a prendere le decisioni necessarie per raggiungere la neutralità climatica entro il 2050, sostiene l'esecutivo comunitario.

Nel suo approfondimento settimanale "Stato dell'Unione", Isabela Marques da Silva ne parla con Linda Kalcher, direttrice del think tank Strategic Perspectives, che si occupa di azione climatica.

Ma c'è spazio anche per la prima legge europea contro la violenza sulle donne, che non include il reato di stupro.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La Commissione europea ritira la legge sui pesticidi chimici

State of the Union: Von der Leyen e Metsola rieletti, Trump nominato e il caldo record in Europa

State of the Union: Il Fronte popolare in Europa, la Nato e l'Ucraina, i viaggi di Orbán