EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Estesa la tregua commerciale fra Ue e Stati Uniti su acciaio e alluminio

Il commissario al commercio dell'UE Valdis Dombrovskis
Il commissario al commercio dell'UE Valdis Dombrovskis Diritti d'autore Jonas Ekstromer/TT News Agency
Diritti d'autore Jonas Ekstromer/TT News Agency
Di Mared Gwyn Jones
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

La Commissione europea ha esteso la tregua commerciale con gli Stati Uniti su acciaio e alluminio per evitare l'imposizione reciproca di dazi dal 2024

PUBBLICITÀ

L'accordo stipulato tra la Commissione e l'amministrazione statunitense nell'ottobre 2021 per risolvere una disputa commerciale era destinato a scadere alla fine di quest'anno. Entrambe le parti avevano cercato una soluzione alla controversia per evitare la reintroduzione di dazi su scambi commerciali del valore di miliardi di euro, ma i colloqui tra il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e i presidenti delle istituzioni comunitarie Ursula von der Leyen e Charles Michel a Washington in ottobre non hanno prodotto una svolta.

La tregua continua

L'estensione della sospensione tariffaria, annunciata di recente, durerà fino a poco dopo l'insediamento della prossima amministrazione a Washington.

"Questa importante proroga è il risultato di un intenso impegno con gli Stati Uniti", ha dichiarato Valdis Dombrovskis, vice-presidente dell'esecutivo comunitario e commissario europeo al Commercio. "Stiamo dando ai nostri importatori ed esportatori la stabilità del mercato e la fiducia delle imprese per continuare a commerciare senza problemi".

Nel 2018 l'amministrazione guidata da Donald Trump aveva imposto dazi sull'acciaio e sull'alluminio che entravano negli Stati Uniti dall'Unione europea, sostenendo che i prodotti fabbricati all'estero costituivano una minaccia per la sicurezza nazionale. I dazi, fissati al 25% sull'acciaio e al 10% sull'alluminio, hanno colpito 6,4 miliardi di euro di scambi commerciali, secondo la Commissione.

L'Ue ha allora introdotto tariffe di ritorsione su una serie di prodotti americani per un valore di 2,8 miliardi di euro che entrano nel suo mercato, come il whisky Bourbon, le motociclette e le barche a motore Harley-Davidson.

Con l'accordo del 2021, l'Unione ha temporaneamente abolito le sue tariffe, mentre gli Stati Uniti hanno permesso a volumi limitati di metalli prodotti nell'Ue di entrare nel proprio territorio senza dazi.

Nonostante la proproga della sospensione sia importante per evitare la reintroduzione delle tariffe originarie imposte durante l'amministrazione Trump, l'accordo provvisorio rappresenta comunque una battuta d'arresto per le aziende esportatrici dell'Ue, che continuano a pagare milioni di euro di tasse ogni anno sugli scambi che superano le quantità esenti da dazi.

Secondo Dombrovskis, la tregua commerciale consentirà a entrambe le parti di "proseguire i negoziati per la rimozione completa e permanente delle tariffe dell'era sulle esportazioni dell'Ue".

I negoziati sono incentrati sul cosiddetto "club dell'acciaio verde", che mira a tassare i produttori di acciaio in base alla quantità di carbonio prodotta per fabbricare il metallo. Il piano si è finora arenato a causa della soglia più alta che l'Ue vuole mantenere per rispettare i suoi standard ambientali sulle importazioni.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Acciaio, alluminio e guerra in Medio Oriente: i temi del vertice Usa-Ue

L'Ue deve chiudere accordi commerciali per le materie prime, dice Thierry Breton

Come il carbone e l'acciaio hanno aperto la strada all'Ue che conosciamo oggi