Josep Borrell critica l'assedio di gaza e ribadisce gli aiuti europei alla Palestina

La bandiera di Israele è stata proiettata sulla facciata di Commissione e Parlamento europeo dopo l'attacco di Hamas del 7 ottobre
La bandiera di Israele è stata proiettata sulla facciata di Commissione e Parlamento europeo dopo l'attacco di Hamas del 7 ottobre Diritti d'autore JOHANNA GERON/AFP or licensors
Di Shona MurrayVincenzo Genovese
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Israele ha il diritto di difendersi, ma deve farlo nel rispetto del diritto internazionale, ha spiegato l'Alto rappresentante dell'Ue per gli Affari Esteri Josep Borrell. Gli Stati dell'Ue concordano nel mantenere gli aiuti ai palestinesi

PUBBLICITÀ

L'assedio di Gaza con il blocco alle forniture d'acqua per la striscia non è in linea con il diritto internazionale, ha dichiarato Borrell, al termine di un Consiglio straordinario organizzato in Oman, a cui erano stati invitati pure i ministri degli Esteri di Israele e dell'Autorità Nazionale Palestinese: Nessuno dei due, però, si è presentato

"In questo momento le vittime a Gaza stanno aumentando. Ci sono 150mila sfollati e la situazione umanitaria è disastrosa. Dovremmo aumentare il supporto umanitario, non diminuirlo".
Josep Borrell
Alto rappresentante dell'Unione europea per gli Affari Esteri

I Paesi Ue vogliono mantenere gli aiuti ai palestinesi

Secondo fonti diplomatiche, la riunione dei ministri degli Esteri è stata caratterizzata da forti tensioni, dopo che il giorno precedente il commissario europeo Olivér Várhelyi aveva annunciato lo stop ai fondi dell'Unione destinati ai palestinesi.

Una decisione poi comunque smentita dalla Commissione stessa, che ha invece adottato una "revisione" dei progetti.

Dall'incontro dei ministri degli Affari esteri, comunque, è emersa la chiara volontà di mantenere gli aiuti previsti dall'Ue per i territori palestinesi: solo due o tre Paesi non erano d'accordo, ha spiegato Borrell.

La linea di Ursula von der Leyen

Chi sembra esprimere sostegno incondizionato a Israele è la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, secondo Alberto Alemanno, professore di diritto dell'Unione europea all'École des hautes études commerciales de Paris.

"È stata piuttosto complice nel sostenere una posizione estremamente rigida, dicendo che in sostanza il governo israeliano è stato attaccato e ha il diritto di difendersi. E questo diritto non incontra alcuna limitazione, nemmeno nell'ambito del diritto umanitario. Cosa che sembra in conflitto con i valori alla base dell'Unione Europea, valori che spesso predichiamo in tutto il mondo".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il Parlamento europeo chiede una "pausa umanitaria" per Gaza

Israele, scontri anche al confine con il Libano

Elezioni: la sinistra sceglie Walter Baier per la Commissione europea