EventsEventiPodcast
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Il Foodmet di Bruxelles e la sua fattoria urbana sul tetto: la sfida dell'efficienza energetica

In collaborazione con The European Commission
Il Foodmet di Bruxelles e la sua fattoria urbana sul tetto: la sfida dell'efficienza energetica
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Aurora Velez
Condividi questo articolo
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Uno dei punti di forza del mercato coperto nel quartiere di Anderlecht è la fattoria urbana Bigh sul tetto dell'edificio, che produce verdure e pesce a chilometro zero sfruttando il calore del mercato

Foodmet è il più grande mercato coperto di verdure e prodotti freschi di Bruxelles. La sua costruzione è stata cofinanziata dall'Unione Europea e si basa sull'efficienza. Il suo fiore all'occhiello è la fattoria urbana Bigh, sul tetto dell'edificio, che produce ortaggi e pesce a chilometro zero sfruttando il calore prodotto dall'edificio.

"Il vantaggio per noi è che siamo sul tetto di FoodMed, che è un mercato alimentare con molte celle frigorifere - dice Audrey Boucher, responsabile della fattoria -. Queste celle emettono calore, che recuperiamo per riscaldare le nostre serre e raffreddare l'acqua per i pesci".

Il mercato di Anderlecht, un quartiere popolare della città, risale al XIX secolo. Oltre 100.000 persone lo visitano ogni fine settimana. Dal 2015, questo sito tutelato ospita un mercato coperto con una quarantina di bancarelle che vendono di tutto, oltre a una fattoria urbana sul tetto, gestita da un'azienda privata. Il sistema energetico sostenibile di Foodmet sta attirando l'interesse di esperti di tutto il mondo.

"I vantaggi sono molteplici: occupazione, biodiversità, cattura delle acque piovane e urbane, aumento dell'attrattività dei tetti, dal punto di vista urbanistico, con le aziende agricole - dice Paul Thielemans, responsabile delle relazioni pubbliche del mercato -. Per questo motivo, affinché questo progetto possa essere imitato in altre città, servno investimenti privati, ma anche sovvenzioni pubbliche".

La costruzione di Foodmet è costata 18 milioni di euro, di cui 6 di euro provenienti dalla Politica di Coesione Europea, più altri 1,4 milioni di euro di sovvenzioni europee per rinforzare il tetto e le terrazze.

L'azienda agricola pilota è attiva su una parte del tetto dal 2018. Produce 200.000 vasi di basilico e altre erbe aromatiche e 20 tonnellate di trote salmonate all'anno con la tecnica dell'acquaponica: l'acqua con gli escrementi delle trote viene filtrata e usata per coltivare gli ortaggi. "Poiché siamo in un circuito chiuso, l'acqua viene rimandata indietro e solo una parte viene prelevata per essere inviata alle piante e coprire il loro fabbisogno", dice Julien Verloop, responsabile dell'acquacoltura di Bigh.

I prodotti dell'azienda pilota non vengono venduti al Foodmet, ma riforniscono supermercati e ristoranti nel raggio di 20 km dal mercato.

Condividi questo articolo